Storie di migranti da Bardonecchia al confine francese
Immagini articolo
La speranza affonda
tra le nevi del confine
FOTOREPORTAGE DI PABLO GIANINAZZI


Mohamed Bambore ha 29 anni, in tasca un permesso di protezione internazionale (in scadenza) concesso dall’Italia, dove è arrivato nel 2012 dal Burkina Faso. Cissè Alassane, invece, ha 17 anni e come Ibrahim Diallo, che di anni ne ha 16, arrivano dalla Guinea. Sono saliti sin quassù a 1.312 metri d’altitudine e ora osservano il cartello blu con la scritta bianca della stazione di Bardonecchia, alta Val di Susa, in Piemonte. Come loro altre centinaia di migranti sono partiti da qui per attraversare il confine e giungere in Francia, oltrepassando il ripido colle della Scala sino a toccare una altitudine di 1.800 metri e sfidare temperature che raggiungono anche i meno quindici gradi. Una roulette. Chi ci prova sa, perché i loro amici li hanno avvertiti attraverso una chat su Whatsapp, che non sarà affatto facile. Che c’è il pericolo valanghe, che ci si può perdere, che la neve è alta anche un metro e mezzo, che alcuni ci hanno rimesso la pelle e li hanno trovati molti giorni dopo assiderati.
Chi invece è riuscito nell’impresa non ha fatto i conti con la gendarmeria francese. E una volta passato il confine è stato catturato, infilato in un pulmino e riportato da dove era partito: l’Italia. "Abbiamo passato il deserto, abbiamo affrontato un lungo viaggio in mare al limite della sopravvivenza", raccontano alla stazione dove c’è un cartello che scoraggia certe avventure. In quattro lingue, francese, inglese, arabo e tigrino c’è scritto appunto "pericolo". In questi mesi invernali le squadre del Soccorso alpino di Bardonecchia hanno contato migliaia di migranti al valico del colle della Scala. E hanno effettuato decine di interventi per salvarli.  
Cissè e Ibrahim, nonostante tutto, hanno deciso di partire. Non hanno un’attrezzatura da neve. Attorno alla stazione la temperatura segna meno sei gradi mentre un vento gelido non concede tregua. Camminare la notte non è affatto facile, soprattutto per chi è abituato a vivere sotto il sole, con un clima torrido e non ha mai visto in vita sua la neve, né sa quali sono le insidie del freddo e del ghiaccio che si incontra in quota. Serve un’ora per raggiungere a piedi la frazione di Melezet, a 1.367 metri, e poi da lì, salendo ancora, si passa per pian del Colle, non lontano dal confine con la Francia. D’estate è una passeggiata tra le preferite degli escursionisti. In queste strade si può anche passare in auto, come fanno tanti turisti sino all’autunno. D’inverno, e soprattutto la notte, è un insidioso percorso a ostacoli. Cissè e Ibrahim ci tentano, affondano le gambe nella neve e provano ad andare avanti. Vogliono raggiungere la Francia. Ma non sono preparati per percorsi come questi. La loro voglia, la consapevolezza di essere giunti lì e di poter conquistare un mondo nuovo, gli ha consentito solo di fare qualche chilometro. Sbucano dal buio e passano infreddoliti e bagnati sotto la luce fioca delle lampade della stazione di Bardonecchia. Sorridono amaro. L’avventura è finita. La speranza no.

r.c.
11.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata