La "pasionaria" brasiliana racconta la rivolta ecologista
Immagini articolo
"Indios in parlamento
in difesa delle terre"
GIUSEPPE BIZZARRI DA RIO DE JANEIRO


Non saranno solo i brasiliani a eleggere il nuovo presidente della Repubblica nel voto previsto a ottobre in Brasile. Come reazione alle forze conservatrici che minacciano sempre più le terre indigene nel Paese, i leader di circa cento popoli indio - presenti il 26 aprile allo storico raduno "Acampamento Terra Livre" a Brasilia - si sono impegnati ad appoggiare la candidatura di almeno 36 loro rappresentanti che concorreranno alla carica di deputato, senatore e vice presidente della Repubblica. "Spero che saranno elezioni democratiche, poiché è evidente che l’élite vuole realizzare un simulacro elettorale per mantenere la presidenza", spiega al Caffè Sônia Bone Guajajara, la prima candidata india della storia brasiliana che concorrerà come vice, anzi, co-presidente del candidato a capo della Repubblica, Guilherme Boulos, il leader del Movimento dei lavoratori senzatetto (Mtst).
Guajajara è una dei principali leader dell’Articolazione dei popoli indigeni del Brasile (Apib) ed ha un avvincente passato d’attivismo politico. Anticapitalista e eco-socialista, dopo avere abbandonato nel 2011 per motivi di delusione politica il Pt, il partito dell’ex presidente Lula, ha aderito al Psol che la presenta oggi candidata. Ex infermiera, laureata in lettere, è ascoltata all’Onu e dalla Comunità europea. Sono in molti a sostenerla, tra cui la Chiesa, i movimenti dei diritti umani, ambientalisti, senzatetto, Ong, intellettuali e artisti, come Caetano Veloso, Alicia Keys, Paula Lavigne, Maria Gadu e altri. Guajajara sostiene che l’Mtst, i quilombos (insediamenti formatosi dagli schiavi africani fuggiaschi) e afro-discendenti continuano le lotte degli indios che sostengono da 518 anni. "La lotta per i diritti è quello che ci unisce", dichiara. Il Brasile ha avuto sino a oggi un solo deputato indio, il combattivo Mario Juruna, eletto con 31 mila voti nel 1983. La maggioranza dei brasiliani ignora l’immensa diversità dei popoli indigeni. Si stima che, all’epoca dell’arrivo degli europei, vi fossero fra i 2 e 4 milioni d’indios, mentre oggi, secondo il censimento del 2010, vivono 896.917 indigeni.
La popolazione indigena cresce enormemente, ha tassi demografici maggiori della media. Federazioni e associazioni indigene nascono ovunque. A Brasilia si trova l’epicentro politico di un sanguinoso confronto tra indios e la potentissima lobby agro-latifondista, spalleggiata dal fondamentalismo religioso neo-pentecostale. Gli indios vengono attaccati anche con armi soprattutto nel Mato Grosso do Sul, dove l’etnia Guarani Kaiowà registra il maggior numero di vittime nel Paese. "Nonostante lo stato brasiliano sia laico - sostiene Guajajara - viviamo sistematici affronti e imposizioni di fede. Ma il nostro nemico sono le forze del mercato finanziario che, per mezzo dei suoi alleati latifondisti, tentano di impadronirsi delle nostre terre".
Se l’Amazzonia ancora esiste, come sostiene l’antropologa Bruna Franchetto, è grazie agli indios. "La Pec 215 non è l’unica iniziativa della lobby latifondista che mira a modificare la costituzione realizzata nel 1988", rivela Gilberto Vieira, segretario aggiunto del Consiglio "indigenista" missionario (Cimi). Con la Pec 215 si vorrebbe trasferire dall’esecutivo al congresso il potere di demarcazione delle terre indigene. Il timore degli indios, ma anche degli ambientalisti, è che i deputati latifondisti paralizzino le nuove demarcazioni territoriali e inizino a legiferare a loro favore, com’è avvenuto con la presidente Rousseff (il provvedimento è stato revocato, subito dopo l’impeachment).
Della Pec si iniziò a parlare sin dal 2000 in parlamento, ma i latifondisti iniziarono a boicottarla subito, per questo c’è stata un’immediata reazione dei popoli indigeni. In previsione di un possibile cambiamento della costituzione, imprese cinesi e giapponesi, rivela Vieira, si sono già installate a Bahia e nel Piauí, gli stati limitrofi al Maranhão e al Tocatins, dove si trova il megaprogetto Matopiba che attrae imprenditori stranieri per le produzioni di commodity agricole. Nell’immensa area considerata l’ultima frontiera dell’agro business brasiliano, ma anche mondiale, sono presenti 46 unità di conservazione ambientale, 36 terre indigene, 781 accampamenti della riforma agraria e siti quilombolas.
17.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi