Alle isole Solovki spariscono le tracce del campo di lavoro
Immagini articolo
Sembra il paradiso
ma qui c'era un gulag
ANDREA STERN


Su questo arcipelago non lontano dal circolo polare artico sono morte più di 300mila persone in vent’anni. Eppure sbarcando alle isole Solovki non si avverte nessuno dei segni distintivi di campi di concentramento come Auschwitz. Dietro al maestoso monastero eretto nel XVI secolo, si trova solo qualche sparuto nucleo di casette, perlopiù in legno. Poi una centrale elettrica e un aeroporto, che in realtà è solo un’altra casetta in legno affiancata da una pista in acciaio misto a erba. Per il resto solo pinete, laghi, natura incontaminata sulla quale dominano i garriti dei gabbiani. Un paradiso.
"Qui non è mai stato costruito alcun campo di concentramento - spiega Elena, giovane guida turistica -. L’intero arcipelago è stato un campo di concentramento". O meglio di rieducazione, come tendono a sottolineare gli abitanti del posto, poco meno di mille anime. "Perché qui non si veniva a morire - afferma Piotr, proprietario di un bar -. Si veniva a lavorare".
Il regime comunista, che confiscò le isole ai frati ortodossi nel 1919, inviò nel suo primo gulag oltre 800mila persone sull’arco di un ventennio. Nobili, scienziati, scrittori, religiosi, ma anche semplici contadini. Tutti accomunati dall’opposizione, vera o supposta, alla rivoluzione bolscevica che aveva appena preso il potere a Mosca. L’obiettivo di Vladimir Lenin, e in seguito di Josif Stalin, era quello di redimere queste persone dai loro pensieri incompatibili con il comunismo. "Il lavoro fortifica l’anima e il corpo", si leggeva sull’insegna appesa al porto. "Evviva il lavoro libero e gioioso", fu invece scritto su una chiesa sconsacrata.
Ma quegli slogan non trovarono alcun riscontro nella realtà. I deportati furono obbligati a svolgere interminabili giornate di pesanti lavori forzati. Chi si rifiutava, veniva fucilato. Chi invece rispettava gli ordini, spesso finiva per morire di freddo o di stenti. "Per ogni lavoratore veniva fissato un obiettivo giornaliero, per esempio abbattere 50 alberi - racconta Elena -. Chi non riusciva a raggiungere l’obiettivo, era costretto a proseguire il lavoro di notte. E se voleva dormire, non poteva tornare ai rifugi ma doveva restare nel bosco". In un ambiente impestato dalle zanzare in estate e contraddistinto da temperature attorno ai meno venti gradi tra ottobre e maggio. "Ma i capi non si preoccupavano se un lavoratore moriva – aggiunge Elena -. Tanto veniva subito sostituito con un altro deportato. Partivano dal principio che un lavoratore rende solo nei primi tre mesi. Poi diventa inutile".
La macchina infernale delle Solovki proseguì la sua corsa fino al 1939, quando per necessità di guerra le isole vennero trasformate in base della marina militare. Nel frattempo l’esempio del primo campo di lavoro forzato, raccontato da Alexander Solgenitsin nel suo pluripremiato "Arcipelago Gulag", era stato esportato un po’ in tutta l’Unione sovietica. Infine, con il crollo del regime comunista, le isole Solovki vennero restituite ai frati, che si impegnarono a rimettere in sesto il monastero per farlo tornare luogo di pellegrinaggio. E a cancellare ogni traccia di quel drammatico ventennio.
Ci sono riusciti. Oggi sull’arcipelago nulla lascia pensare all’incredibile quantità di cadaveri ammassati sotto il suolo. Il passato è stato rimosso. Nel monastero è stata chiusa l’ala dedicata al ricordo delle vittime. Le uniche testimonianze visive degli orrori perpetrati dal regime sovietico restano quelle ospitate da un piccolo museo, semivuoto. Poco distante alcuni turisti fanno il bagno approfittando di una delle rare calde giornate estive. Altri affollano l’unico negozio di alimentari. Altri ancora sorseggiano birra sulla terrazza di un bar. "Vengono qui per pregare, ma anche per godersi l’estate - dice Piotr -. A loro non interessa il passato. Preferiscono vivere il presente".

astern@caffe.ch
19.08.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti