function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Una minoranza tra storia di violenze e "pulizia etnica"
Immagini articolo
L'esodo dei Rohingya
nomadi nella foresta
GABRIELE CECCONI DA KUTUPALONG


Ad agosto del 2017 è cominciato l’ultimo grande esodo della minoranza musulmana Rohingya. Perseguitata da una terribile ondata di violenze da parte dell’esercito del Myanmar. Zeid Raad Al Hussein, alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, non ha esitato a definire queste operazioni come un caso di vera e propria "pulizia etnica". Circa un milione di persone scappate dai propri villaggi vivono oggi nel distretto di Cox’s Bazar, nel sud del Bangladesh. E mentre il futuro di migliaia di famiglie rimane incerto, le condizioni di vita dei profughi sono estremamente precarie. Una delle emergenze più importanti (ma costantemente sottovalutata nelle crisi umanitarie scaturite da migrazioni di massa improvvise), riguarda proprio l’impatto ambientale e le condizioni di vita delle famiglie di questa etnia nel momento in cui si insediano nei territori che li ospitano. Non tutti riescono a integrarsi, non tutti superano il momento di smarrimento psicologico.
Nei campi di Cox’s Bazar la situazione è drammatica. A Kutupalong, nell’area della riserva naturale di Teknaf, ad oggi il più grande campo profughi del mondo, sopravvivono circa 700mila persone. Ogni mattina all’alba, una interminabile carovana di Rohingya solca la rossa terra bengalese per inoltrarsi nella foresta e raccogliere quanta più legna possibile. In assenza di terre coltivabili, nell’impossibilità di lavorare legalmente nel Paese, i profughi dipendono interamente dalla foresta. Secondo uno studio delle Nazioni Unite, ogni mese 70mila tonnellate di legna vengono raccolte da questa popolazione. La conseguenza è che più della metà della riserva naturale è scomparsa e secondo le più recenti stime, potrebbe scomparire del tutto entro il 2019. Il conto alla rovescia è dunque cominciato.
Oltre questo, l’uso del legname come combustibile per cucinare all’interno degli angusti rifugi ha causato una vera e propria epidemia di infezioni respiratorie che secondo la World health organization (Who) rappresenta la prima causa di decesso tra la popolazione Rohingya. I più vulnerabili sono donne e bambini che rimangono all’interno delle "baracche" durante la preparazione del cibo. La deforestazione ha poi effetti e ricadute devastanti a causa dell’aumento dell’erosione del suolo, che a sua volta genera il rischio di frane e inondazioni durante la stagione monsonica. La scomparsa della riserva di Teknaf, creata per preservare l’elefante asiatico, ha creato poi scompensi in questo ecosistema naturale. I campi sono stati costruiti lungo le rotte migratorie dei grandi mammiferi, e decine di persone sono rimaste vittime di attacchi di elefanti disorientati e spaventati dalla perdita del proprio habitat.
A tutto ciò bisogna aggiungere la questione dell’accesso a sicure fonti di acqua. E, non ultima, quella relativa alla gestione delle immense masse di rifiuti prodotti quotidianamente. Sempre secondo la Who nel dicembre del 2017 l’88 per cento dei campioni di acqua raccolti risultavano contaminati da batteri. Nel villaggio locale di Unchiprang, le acque reflue provenienti dal vicino campo profughi, hanno contaminato l’unica fonte accessibile alla popolazione locale creando forti disagi durante la stagione secca.
Ad oggi sono 68 milioni i profughi nel mondo. E molte migrazioni di massa devono fronteggiare problematiche analoghe a quelle che si sono verificate a Kutupalong, in Bangladesh. In una regione particolarmente fragile, di un Paese che è uno dei più vulnerabili ai cambiamenti climatici, la crisi ambientale in atto rappresenta i caratteri generali delle sfide poste dalle grandi migrazioni. Insomma, quella di Kutupalong, dove vive la minoranza musulmana Rohingya, rappresenta è una delle situazioni simbolo che si sono presentate in questi anni di flussi migratori non governati dai Paesi e dalle autorità internazionali.
03.02.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00