Il business criminale sui migranti lungo i confini balcani
Immagini articolo
Gli oggetti che narrano
il passaggio dei profughi
NICOLA FORNACIARI E GABRIELE GATTI DA BIHA


Dalla fine di aprile 2018 il transito di migranti attraverso Albania, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Croazia è diventato il percorso più battuto delle rotte balcaniche. Le sempre più restrittive politiche dell’Unione Europea in materia di gestione dell’immigrazione hanno determinato una deviazione del flusso di persone e, con l’arrivo del rigido inverno balcanico, all’organizzazione di nuovi campi profughi. Ad agosto l’Alto Commissariato della Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) registrava circa 5.000 migranti nelle città di Biha e Velika Kladuša, nel nord della Bosnia. La presenza di così tante persone in difficoltà in un territorio con una superficie così ridotta, ha rappresentato un’occasione per l’inserimento di diverse organizzazioni criminali legate al traffico di esseri umani.
I trafficanti o "smugglers", si sono infatti ricavati un mercato impossibile da quantificare basato sui passaggi da Bosnia e Serbia verso Paesi come Italia, Svizzera e Germania. Chi controlla il traffico ha infatti contatti diffusi in tutti i nuovi campi in Bosnia e in quelli già attivi da tempo in Serbia, che permettono loro di monitorare i nuovi arrivi dalla Grecia e di recuperare "clienti". I trafficanti si affidano ai cosiddetti "runners" per svolgere i lavori pericolosi.
"I runners - dice Diego Saccora, operatore sociale e volontario a Bihać da inizio 2018 - sono spesso individui di giovane età che si trovano invischiati nel traffico a causa delle condizioni di fragilità e ricattabilità proprie della condizione di migrante. Vengono utilizzati per guidare i gruppi di migranti lungo i percorsi verso i confini".
Non mancano inoltre i contatti tra gli "smugglers" e alcuni locali, senza i quali sarebbe impossibile conoscere i diversi sentieri che portano oltre i confini, attraverso i boschi. Risalendo la filiera si può evincere che la maggior parte del denaro viene spedito in Paesi come Turchia e Pakistan.
Ogni gruppo in partenza è formato da 7-8 persone e comprende uno o più runners e smugglers. Il runner conduce il gruppo di migranti verso il luogo di passaggio e lo accompagna fin oltre i confini di Croazia e Slovenia. Un ruolo fondamentale lo giocano i furgoni e i taxi che portano i migranti che possono permettersi di pagare la tratta vicino ai confini europei. Ogni gruppo ha però scarse probabilità di raggiungere la propria meta poiché i boschi a ridosso dei confini sono massicciamente controllati dalla polizia croata che, dopo aver arrestato e registrato i migranti, li respinge in Bosnia. Nei territori di Biha e Velika Kladuša esistono 4 principali vie di respingimento. I luoghi, strategicamente vicini al confine, sono nei pressi delle località bosniache di Lohovo, Poljana, Kulen Vakuf e Zavalje.
I migranti respinti vengono accolti dai trafficanti che li perquisiscono a loro volta, concentrandosi soprattutto sulla ricerca e distruzione di microcamere o trasmettitori per prevenire la fuga di notizie e immagini. L’obiettivo è verosimilmente quello di evitare che le persone di ritorno dalla Croazia forniscano foto o informazioni sulle pratiche a cui sono sottoposti.
Un’altra misura presa nelle operazioni di respingimento è la distruzione dei documenti rilasciati al momento dell’identificazione ed espulsione. Grazie alla loro ricostruzione è però possibile determinare che i migranti vengano respinti da Slovenia, Croazia, Montenegro e Ungheria. La presenza dei documenti in Bosnia e il fatto che siano datati pochi giorni prima del ritrovamento, colloca i migranti a più confini di distanza confermando dunque i respingimenti da parte di Paesi appartenenti all’area Schengen o all’Unione europea.
La presenza delle organizzazioni criminali e i respingimenti illegali verso la Bosnia-Erzegovina stanno contribuendo a creare un’ulteriore frattura nel tessuto sociale del Paese che si ritrova, ancora una volta, nell’occhio di un ciclone che non accenna a placarsi.
10.02.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00