La storia delle ragazze rapite e vendute dal Califfato
Immagini articolo
Le "spose" dell'Isis
vogliono tornare a casa
CARLOTTA LUDOVICA PASSERINI DA WASHINGTON


Lo Stato Islamico sta arrivando alla resa dei conti grazie all’intervento combinato delle Forze democratiche siriane (Fds) e della coalizione internazionale. Negli ultimi tempi le Fds hanno liberato la zona di Bagoz, dopo aver distrutto l’ultima roccaforte dell’Isis nella provincia di Deir Azzor. I miliziani sono stati catturati e le loro famiglie trasferite in centri di detenzione. Ma cosa succederà agli oltre 40.000 foreign fighters che si sono uniti al Califfato?
La maggioranza dei governi occidentali ha dichiarato che non intende procedere all’estradizione dei propri connazionali che hanno combattuto fra le fila dello Stato Islamico. L’Inghilterra ha preferito revocare il passaporto a due membri della cellula dei "Beatles", i miliziani che si occupavano di decapitare gli ostaggi occidentali, ora nelle carceri delle Fds.
Gli Stati Uniti, poi, non sembrano voler concedere il rimpatrio a Hoda Muthana, nata in New Jersey ventiquattro anni fa, con un figlio di 18 mesi. E gli inglesi hanno ribadito di essere contrari a estradare Shamima Begum, diciannovenne al nono mese di gravidanza, unitasi all’Isis quando aveva solo 15 anni. Ora che lo Stato Islamico è arrivato al capolinea, Shamima, non pentita della propria scelta, chiede di tornare a casa per offrire un futuro migliore al bambino che porta in grembo. Futuro che lei stessa ha negato a migliaia di persone, affiliandosi al Califfato. C’è da chiedersi se avrebbe fatto la stessa scelta se la guerra avesse avuto un altro esito.
Centinaia di ragazze occidentali si sono unite all’Isis, abbracciandone l’ideologia e concedendosi come spose volontarie ai miliziani. Molte di loro hanno commesso azioni indicibili, soprattutto nei confronti delle ragazze yezide rapite dallo Stato Islamico il 3 agosto 2014. Quello stesso giorno, infatti, i membri del Califfato hanno messo in atto un vero e proprio genocidio nei confronti degli yezidi, membri della omonima minoranza etnico-religiosa, sul Monte Sinjar. Migliaia di persone sono state uccise e oltre 6.000 donne e ragazze rapite e date in premio ai miliziani che le hanno stuprate, usate come schiave e vendute per poche decine di dollari sul mercato nero.
Pari Ibrahim, fondatrice della Free Yezidi Foundation, Ong irachena che opera nei campi profughi per Idp del Kurdistan per fornire aiuti agli yezidi sopravvissuti al genocidio, ribadisce la necessità di un intervento immediato della comunità internazionale per perseguire legalmente le mogli dei miliziani e gli stessi foreign fighters per tutti i crimini che hanno commesso. Ibrahim sostiene che vi siano prove a carico delle donne dello Stato Islamico e testimoni pronti a dichiararne la colpevolezza. "Le donne spesso erano autrici di violenze peggiori di quelle perpetrate dai loro mariti", spiega Ibrahim, e prosegue: "Lavavano, truccavano e vestivano le ragazze yezide per poi consegnarle ai mariti che le avrebbero ripetutamente violentate".
La fondatrice della Free Yezidi Foundation spiega che erano le stesse mogli dei miliziani a tenere le prigioniere sequestrate, chiudendole a chiave nelle loro stanze, mentre i mariti si trovavano al fronte. "Le ragazze che sono riuscite a scappare - dice Ibrahim - sostengono che torture, umiliazioni e violenze psicologiche erano all’ordine del giorno".
Tuttavia, non sembra che i governi occidentali vogliano occuparsi dei processi dei loro cittadini. Preferiscono che siano le Forze democratiche siriane a prendersene cura, in Paesi dove la giustizia lascia poco spazio ai concetti occidentali di legalità ed equità. L’atteggiamento pilatesco degli Stati europei prevale sulla giustizia tanto declamata nelle nostre costituzioni. E così le donne yezide non troveranno mai pace.
10.03.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00