Gli studenti di medie e licei si rivolgono ai docenti
Immagini articolo
"Ecco come la scuola
dovrebbe cambiare"
ANDREA BERTAGNI


Aspettative, speranze, ma anche dubbi e interrogativi irrisolti. Gli studenti delle medie e dei licei ticinesi hanno da poco varcato le aule eppure già sanno cosa va, cosa non va e cosa potrebbe andare meglio o diversamente. Un altro anno scolastico è iniziato e c’è un futuro ancora tutto da scrivere. Per gli allievi e per i docenti. Come sostiene Leandro, 13enne delle medie di Locarno1: "I ragazzi che l’anno scorso sono stati bocciati ora avranno la possibilità di voltare pagina - dice -. Ma dovranno impegnarsi molto, questo è fondamentale".  
Tra le materie scolastiche c’è anche l’educazione fisica. Importante. Almeno per Fabio, 12 anni, in prima media a Locarno, secondo cui la disciplina meriterebbe più spazio. Anche Ornella, in seconda media, fa un’osservazione sulla ginnastica: "Da quest’anno è obbligatoria la doccia nelle doppie ore di educazione fisica - dice -. Ecco devo dire che non mi piace, anche se è possibile non farla a patto di avere una dispensa". Elisabeth, sua compagna di classe, è d’accordo con lei. Ma ce l’ha anche con le merende distribuite durante la ricreazione, sempre alle Medie1 di via Varesi. "Le brioche sono dure come il pane - sottolinea - l’anno scorso erano decisamente più buone". Problemi di poco conto, si dirà. Ma anche questo fa parte del pianeta scuola.
Arrivano Tyler e Federico, embrambi 12enni, che dicono: "Quest’anno, in seconda, ci hanno dato molto meno materiale scolastico rispetto alle seconde di alcuni anni fa, ma non ci hanno spiegato il motivo. Di conseguenza siamo stati costretti a pagare quaderni e cartelle. Forse è solo cambiato il sistema. Speriamo di riceverli l’anno prossimo".
Concreti. E senza fronzoli sono anche i liceali di Bellinzona. "È il mio primo anno - risponde Neo - e voglio fare bene, impegnarmi molto e ottenere buoni risultati". Entusiasmo anche nelle parole di Joyce: "Ho voglia di conoscere i miei nuovi compagni". E Louis aggiunge: "Voglio imparare molto".
Al suo fianco Gaetano che, a dispetto del nome, è svizzero tedesco e arriva dal canton Berna. "Devo impegnarmi per imparare meglio l’italiano - osserva -, sono in Ticino per uno scambio linguistico, in tutto siamo nove". La voglia di cominciare bene e di andare avanti con impegno ce l’ha anche Sabine, 17 anni:."Le vacanze sono un po’ noiose - dice - e ho iniziato con una gran voglia di lavorare".
E di lavoro, basta volerlo, ce ne sarà. In seconda e in terza, nei licei linguistico e scientifico, scattano le opzioni specifiche. Materie che gli alunni scelgono l’anno precedente per concentrarsi meglio sul loro futuro scolastico. Una scelta che Martina ha maturato serenamente, anche se ora è un po’ emozionata. "Ho scelto le discipline sulle quali voglio puntare la mia formazione, speriamo bene".
Cleo è seduta su una panchina, parla  con due sue amiche della scuola cantonale di commercio. Al liceo di Bellinzona è una matricola. "L’inizio non è difficile - dice la studentessa - e rispetto alle medie non è chissà quale cambiamento. Ma credo però che tra un po’ si comincerà a fare sul serio".
Sul serio o no, secondo Evelin, 15enne anche lei in prima classe, l’apertura delle aule l’ha preoccupata parecchio. Oggi c’è ancora un po’ di ansia. Il motivo? "All’inizio sarebbe meglio che i docenti aiutassero e dessero dei consigli, soprattutto agli allievi di prima - osserva -. Invece alcuni di loro iniziano immediatamente a insegnare a ritmo sostenuto ed è facile che in questo modo più di un allievo rimanga disorientato. La fase di adattamento, a mio avviso, andrebbe prolungata".
abertagni@caffe.ch
15.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'egemonia del dollaro
sulla moneta digitale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Barcellona,
sale il numero
di arresti
e feriti

A Ford-Coppola
il premio
Lumière 2019

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00