Dall'Afghanistan, Siria, Congo centinaia di migranti
Immagini articolo
Undicimila profughi
intrappolati a Lesbo
CARLOTTA LUDOVICA PASSERINI DA LESBO


Si calcola che ogni giorno circa 340 richiedenti asilo sbarchino sulle isole dell’Egeo orientale, dei quali la maggioranza a Lesbo. Provengono principalmente da Afghanistan, Siria e Congo. All’interno dei campi sono presenti più sezioni, solitamente legate all’origine geografica. Gli arabi da una parte, i curdi da un’altra, e gli africani da un’altra ancora. Le differenze si notano anche agli sbarchi. I siriani arrivano con le barche migliori e i giubbotti di salvataggio più sicuri. Gli africani con i gommoni peggiori e quasi sempre senza giubbottini, mentre gli afghani appartengono a una categoria intermedia. Una volta sbarcati o intercettati dalla Guardia Costiera o dalle navi di Frontex, i migranti vengono portati alla centrale di polizia per il rilascio delle impronte digitali e poi a Moria, il campo profughi dell’isola, dove aspettano fino a tre anni per ottenere l’asilo. &softReturn;"Sono arrivato più di un anno fa. Pensavo di rimanere a Lesbo qualche mese e non è stato possibile. Sto ancora aspettando la decisione finale della mia ultima intervista con l’Easo (l’ufficio europeo per le richieste d’asilo)", racconta S., 25 anni. Le condizioni di vita all’interno di Moria sono disastrose. Il campo, nato come base militare per ospitare 400 soldati, oggi accoglie circa 11mila persone. Chi è fortunato vive negli isobox, container di una decina di metri quadrati, che ospitano in media 13 persone. Altri vivono nelle tende distribuite dall’Unhcr, l’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite. Poi, intere famiglie hanno trovato una sistemazone nelle tende per due o tre persone, mentre i meno fortunati dormono per terra nel campo, avvolti dalle coperte termiche. "Ecco, questa è la nostra casa", dicono P. e W., una coppia di richiedenti asilo ugandesi arrivata da poco sull’isola. La tenda dove vivono è divisa in quattro parti da teli di plastica. Non ci sono materassi, né riscaldamento per l’inverno. I servizi di base a Moria non sono sempre garantiti. Il numero dei medici che operano all’interno del campo non è sufficiente per tutti i pazienti che ogni giorno si mettono in fila di fronte ai container delle Ong e aspettano. &softReturn;Le attese sono lo sport più comune dentro il campo. Alle tre di notte i primi richiedenti asilo iniziano a mettersi in fila di fronte al container della distribuzione del cibo, per assicurarsi un pasto al giorno. "Ogni giorno - racconta K., 25 anni - passo metà della mia giornata ad aspettare. A pranzo ci danno pane, una fetta di torta e qualche uova". I servizi psicologici offerti non riescono a coprire le necessità. Ogni giorno dentro Moria scoppiano risse sanguinose e i tentativi di suicidio sono all’ordine del giorno. Solo gli psicologi con licenza greca possono operare sul campo fornendo supporto terapeutico. Poche settimane fa, durante una rissa nella sezione "sicura" dei minori non accompagnati, un ragazzino afghano di 15 anni ha perso la vita. "Quando sono a Moria ho paura -  dice M., ragazza afghana di 16 anni - e resto quasi sempre nella mia tenda. Da grande voglio fare la poliziotta per mettere al sicuro tutti". Per ovviare alla gravità della situazione, il governo nuovo greco ha disposto il trasferimento di 1.500 migranti da Lesbo alla terraferma, assegnandoli a campi profughi isolati dalle città. I trasferimenti, però, non hanno cambiato le carte in tavola, e migliaia di richiedenti asilo vivono ancora in condizioni spaventose sull’isola di Lesbo.
29.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00