Lo sport nazionale dello Sri Lanka importato in Italia
Immagini articolo
Giocare a "elle"
e ritrovare i veri valori
ALESSIO PADUANO DA NAPOLI


Da circa ventidue anni, ogni domenica, la comunità cingalese di Napoli si riunisce al "Real Bosco di Capodimonte" per giocare a "elle", sport nazionale dello Sri Lanka molto simile al baseball. Anche se non possiamo trovare fonti definitive sull’origine di questo sport, ci sono prove che suggeriscono che il gioco sia anteriore al ventesimo secolo, ma non è chiaro da chi sia stato introdotto in Sri Lanka. Per giocare a "elle" sono necessarie due squadre composte da sedici giocatori, una pallina da tennis e delle mazze di bambù. Ogni squadra ha a disposizione quindici palle e se alla fine dell’incontro il risultato è fermo sul pareggio si possono battere altre cinque palle, altrimenti sarà semplicemente la fortuna a decretare un vincitore.
Questo sport molto particolare, da diversi anni si sta diffondendo a macchia d’olio in Italia, parallelamente alla crescita della comunità Srilankese (oltre centomila persone), la cui presenza è attestata dall’inizio degli anni Settanta. Oggi in Italia si gioca a "elle" a Napoli, a Milano, a Lucca, a Catania e a Firenze. A gestire l’organizzazione degli appuntamenti sportivi che hanno luogo a Napoli c’è Christopher, 52 anni, originario di Wennappuwa, una città nel distretto di Puttalam. Christopher vive nel capoluogo Partenopeo dal 1991 e si guadagna da vivere facendo il collaboratore domestico, ma la domenica, costi quel che costi, si dedica anima e cuore a "elle". Questo sport secondo Christopher non è soltanto un modo per fare attività fisica e divertirsi, rappresenta soprattuto un collante sociale che riunisce le famiglie e permettere ai ragazzi più piccoli di crescere sani, senza perdere le proprie radici.
Il pre partita di ogni match di "elle" al "Real Bosco di Capodimonte" di Napoli è sempre molto affascinante. Prima di ogni incontro alcuni partecipanti rimuovono con delle lamette l’imbottitura delle palline da tennis, in modo da renderle più veloci durante i lanci. Le mazze di bambù invece, arrivano direttamente dallo Sri Lanka. "In Italia sarebbe impossibile procurarsele - spiega Christopher - e occorrerebbe un processo di lavorazione molto lungo e complicato, che solo nel nostro Paese riescono a mettere in pratica". Nel frattempo l’arbitro o un giocatore si occupa di tracciare il campo con della farina, prodotto usato perché va via velocemente e soprattuto perché non crea danni al manto erboso. Terminate tutte le operazioni preliminari, le due squadre avversarie scendono in campo ben allineate, si salutano, e dopo qualche piccola raccomandazione da parte dell’arbitro si separano, ognuna in un angolo, per formare un capannello e recitare una breve preghiera nella lingua singalese. Ai bordi del campo appena tracciato la cornice, coloratissima, è composta da mogli, parenti e figli dei giocatori. Incitano, sorridono e fanno il tifo per i loro cari in un clima di assoluta serenità. Meno serena - ma non meno corretta - è invece l’atmosfera in campo, dove anche se non c’è nulla in palio, si percepisce chiaramente un forte spirito di sana competizione. Una volta conclusi gli incontri tra le squadre maschili tocca a quelle femminili. Per arrivare alla conclusione di tutte le partite si giunge inevitabilmente al calar del sole.
Guardando una partita di "elle" in Italia ci si rende conto di ciò che è veramente lo sport popolare. "Elle" significa essere lontani anni luce dalle logiche degli affari e della prevaricazione. Logiche che non fanno altro che calpestare i veri valori dello sport.
20.10.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00