In Leventina c'è chi resiste e ha aperto nuove attività
Immagini articolo
"Biliardo, gioielli...
per rilanciare la valle"
ANDREA BERTAGNI


Trenta chilometri sospesi tra le montagne. Biasca da una parte, Airolo dall’altra. La valle Leventina è un cantiere. Non soltanto per i lavori autostradali tra Quinto e Faido. Ma anche per le industrie che si spostano. Per i progetti pronti a partire, come la nuova pista della Valascia e il raddoppio del tunnel del San Gottardo. E per paesi che si spopolano e servizi che svaniscono. E anche se, come dice Loretta Bruno dell’hotel ristorante Baldi di Rodi-Fiesso, "le istituzioni hanno fatto perdere il treno alla nostra valle, dovrebbero esserci più infrastrutture, come una piscina ad esempio, invece i negozietti, gli sportelli postali e bancari chiudono", i leventinesi non mollano. Tazio Gobbi, è uno dei tanti esempi: un garage ad Ambrì con il fratello Erio che conta dieci dipendenti. Ma la rabbia c’è: "Ci trattano come sussidiati, mentre i politici contano solo i voti: prendiamo ad esempio il Museo cantonale di storia naturale -  dice Gobbi -. Perché non lo hanno trasferito a Faido invece che a Locarno? La nuova Valascia e il nuovo tunnel autostradale del Gottardo porteranno solo briciole". L’economia in alta valle non si è più ripresa, sostiene Gobbi, dalla fine degli Anni ‘90. "Poi c’è stato il trasferimento della Tensol Rail a Bodio ed è stata la mazzata finale - aggiunge -. Un vero peccato, perché qui si vive bene ma a poco a poco sta sparendo tutto".
Sospesa in un presente ancora tutto da decifrare, la Leventina mastica amaro. Anche se produce panettoni. Come quelli dei fratelli Buletti di Piotta. Che invece sono dolci come il burro di montagna, uno degli ingredienti. "Non sembra esserci interesse a mantenere il lavoro in valle - spiega Bruno Buletti - e mi chiedo perché mai si spendono così tanti soldi per le strade? Perché si butta al vento tanto denaro, quando siamo stati lasciati da soli?". Già, sembrano insomma ormai definitivamente andati i tempi in cui gli operai che lavoravano ad Airolo per la galleria autostradale negli Anni ‘80 riempivano i ristoranti. E spendevano. "Invece neanche con AlpTransit abbiamo guadagnato granché - riprende Buletti -, nonostante ciò noi abbiamo continuato a investire. Almeno 1,5 milioni di franchi negli ultimi anni". Delusione e smarrimento anche nelle parole di Daniele Fettolini, che con la sua azienda di impianti sanitari è presente a Faido da 113 anni. "Il lavoro è calato, non si costruisce più ed è difficile anche partecipare ai grandi progetti come quello della nuova pista della Valascia". Secondo Fettolini, "gli appalti vengono sempre vinti dalle aziende più grandi perché i capitolati non tengono conto delle piccole imprese locali, quando basterebbe inserire tra i parametri anche la vicinanza".
Non rimane che puntare sul turismo. Come ha fatto Igor Slavuljica che da qualche mese ha riaperto l’Osteria Elvezia di Lavorgo. Oggi è diventata un punto di ritrovo, soprattutto per i giovani. "Il prossimo passo - confida - è mettere a posto il salone a fianco al ristorante con biliardini, freccette e un tavolo da biliardo, aumentare l’offerta insomma". Più a nord, ad Airolo, anche Luca Brughelli si sta dando da fare con un "bed&bike", sfruttando la salita della Tremola. "Quella delle due ruote - osserva - è una clientela con un grande potenziale. Abbiamo ospiti che arrivano da tutto il mondo". E i residenti? Ancora sperano. "A Quinto forse realizzeranno un asilo nido - dice Giulia Taragnoli, orafa -. Lo speriamo tanto perché aiuterebbe molte famiglie. Le persone stanno iniziando a capire che vivere in periferia può avere i suoi vantaggi". Ne è sicura anche Patrizia Filippone che ha appena aperto un negozietto di alimentari a Bodio. "Le Officine - dice - sarebbero state una boccata d’ossigeno. Per fortuna arriverà il campus formativo dell’Aet. Dai, un po’ di ottimismo".
abertagni@caffe.ch
19.01.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00