function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Le immagini dei disatri tra valli, strade e città
Immagini articolo
Mezzo Ticino bloccato
dalle violenti piogge
MAURO SPIGNESI


Strade chiuse, smottamenti, frane, torrenti straripati e case allagate. È successo di tutto nelle ultime 48 ore. Un temporale estivo che in molte zone - in particolare Bellinzonese e Tre Valli - ha fatto scattare il grado d’allerta 5, il massimo per MeteoSvizzera. Un punto in meno per Valle Verzasca e Luganese. Ma ovunque le precipitazioni hanno creato disastri, dovuti ad accumuli di pioggia di 100 -160 mm, come sul Piano di Magadino, con punte sino a 200 mm. È venuta giù in poche ore oltre un terzo dell’acqua che lo scorso anno era caduta in tutto agosto.
Le immagini di queste pagine testimoniano diverse situazioni critiche. Particolarmente colpita anche Lugano, dove in alcune zone si sono formati piccoli torrenti che hanno rallentato la circolazione, tanto che le autorità precauzionalmente hanno deciso di chiudere sino a lunedì una serie di luoghi pubblici, come i parchi, il Ciani in prima fila.
Disagi e traffico rallentato anche in autostrada. All’altezza di Rivera venerdì sera attorno alle 19 la pioggia era così fitta che la visibilità non consentiva agli automobilisti in viaggio di vedere a un metro-un metro e mezzo oltre, se non intuire le luci fioche delle auto che avevano davanti. Tanto è vero che molti hanno usato le luci d’emergenza e hanno parcheggiato nelle piazzole di sosta. Bloccati anche diversi camion diretti verso la dogana commerciale di Chiasso.
La Polizia cantonale, che ha chiesto di prendere l’auto "solo se strettamente necessario", ha comunicato che in seguito delle forti piogge diverse strade sono state chiuse. I più importanti disagi sono stati riscontrati in via Vallemaggia e via Marcacci a Locarno, sulla strada cantonale tra Gudo e Cugnasco, in valle Malvaglia a partire da Madra, in Valle Verzasca a Vogorno, a Tenero all’altezza dei centri commerciali, sulla strada tra Melano e Caprino e tra Melano e Rovio, sulla cantonale a Preonzo, Gerra Gambarogno, a Brione sopra Minusio in via Val Resa e ad Arogno in via Pugerna. "Alcune strade - ha spiegato la Polcantonale -  sono ancora chiuse o aperte a senso alternato". Per informazioni si può consultare Viasuisse.
Precipitazioni anche nei Grigioni con blocco della circolazione. Pesanti disagi, infine, nelle aree italiane di confine, in particolare sulla sponda piemontese. Come nella strada statale 34 del lago Maggiore, già chiusa venerdì sera per una frana.  m.sp.
29.08.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"Obiettivo 2050" è...
carbonio a livello zero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La vita delle confraternite
gira alla roulette del destino
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Merkel e Macron:
“Con Ankara
si deve
dialogare”

Armenia,
al voto
dopo
la guerra

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00