function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Tra pesi e attrezzi circola preoccupazione e timore
Immagini articolo
Centri sportivi e palestre
hanno il fiato corto
ANDREA BERTAGNI


C’è chi rimborsa gli abbonamenti. Chi disinfetta anche l’aria e chi è disortientato dalle direttive antivirus che cambiano quasi in continuazione. I centri sportivi e le palestre sono con il fiato corto. Da Bellinzona a Lugano e Locarno tra pesi e attrezzi circola preoccupazione. Perché solo i clienti fedelissimi per ora non hanno paura. Tutti gli altri? "Restano a casa - spiega Luca Maggetti, che ha una palestra a Bellinzona - ecco perchè c’è incertezza per il futuro. Se dovessero decretare un nuovo lockdown sarebbe meglio succedesse in dicembre, perché a novembre e a gennaio si lavora forte". Maggetti è uno di quelli che non è rimasto con le mani in mano. E ha affrontato il periodo con nuove idee. "Abbiamo creato un’assicurazione per gli abbonamenti e lanceremo i corsi di ginnastica online". Anche Paride Oggioni, che ha un’attività a Lugano da 40 anni, trasferirà i corsi su internet. "Secondo me - precisa - entro una settimana chiudono anche noi. Ma siamo nel mezzo di un’emergenza sanitaria e francamente capisco la situazione".
Tania Gazzoli, che a Lugano fa allenamenti ed esercizi solo alle donne, è affranta. "A livello finanziario la situazione è delicatissima - dice - ho investito molto per adattare il locale alle misure anti coronavirus. Se non si ha una "copertura" economica alle spalle è molto difficile andare avanti". Gazzoli è avvilita anche perché "non c’è comprensione verso la nostra attività. Non siamo come le discoteche, noi aiutamo le persone a stare in salute e vivere bene".
Eppure i clienti hanno paura. "La clientela è calata, è un dato di fatto - sottolinea Patrick Cavagna, titolare di una palestra a Camorino - al momento del rinnovo degli abbonamenti, i clienti sono titubanti. Così siamo arrivati a proporrre "entrate" mensili". Anche Iryna Loza Pelloni, che a Riazzino ha puntato anche lei solo sulle donne, è rattristata. "Non si capisce quasi più niente. La direttive cambiano velocemente e creano confusione". A riprova di ciò, sono state vietate le attività con gruppi di più di 6 persone. Cosa che ha messo in difficoltà i corsi di ginnastica e fitness. "Il calo è generale, anche se ci aspettavamo di peggio  - è il commento di Simone Posavec, che parla per i cinque centri Active Fitness di Bellinzona, Losone, Vezia, Mendrisio e Lugano - l’allenamento è diventato più individuale e meno di gruppo. Finora però non c’è stato un solo caso di contagio in tutta la Svizzera". Eppure la diminuzione c’è. È evidente anche a Locarno, al centro sportivo del lido. "In ottobre la clientela è diminuita del 20% - annota Christophe Pellandini - vorremmo comunque restare aperti durante le festività natalizie e forse adegueremo le fasce orarie". Anche a Locarno si rimborsano i giorni in cui per motivi di salute non si va in palestra. "Per noi è sempre stata la regola", puntualizza il responsabile del centro. Matteo Mazzetto, che lavora in un centro specializzato nell’elettrostimolazione a Lugano, ricorda gli sforzi fatti finora per continuare a resistere. "Due volte al giorno sanifichiamo gli ambienti anche con l’ozono - afferma - e ormai possiamo ospitare solo 2 persone alla volta. Siamo preoccupati, perché i primi a chiudere saremo noi, purtroppo".  
Del resto le regole sono chiare. Un metro e mezzo di distanza, mascherina obbligatoria negli spazi comuni e aree di almeno 15 metri quadri per attività senza protezione. "Stiamo facendo davvero tutto il possibile - osserva Martino Mangini, che ha una palestra in centro a Lugano - la preoccupazione però rimane. Alcune misure ci lasciano comunque perplessi".
abertagni@caffe.ch
14.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Sarà una catastrofe!
No, economia più solida
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'ideologia tramonta
e le spie battono cassa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Il Myanmar
chiude le porte
all’inviato
Asean

Gerusalemme:
calma
apparente
dopo gli scontri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00