Sesso e amore
Immagini articolo
Sono troppo veloce
e me ne vergogno
LINDA ROSSI


La lettera
Ho vent’anni, sono sportivo, in buona salute, senza chili di troppo. Sono innamorato di una ragazza, andiamo molto d’accordo ma nella relazione sessuale finisco troppo in fretta, quasi prima di una penetrazione completa. Mi rivolgo a lei perché mi vergogno davanti alla mia ragazza, anche se mi dice che non è poi così importante. Non oso parlarne con gli amici e spero che lei mi possa dare una risposta e dei consigli da mettere in pratica.

La risposta
Caro ventenne sportivo, lei presenta il problema sessuale più diffuso al mondo: l’eiaculazione precoce. Nel suo caso è ante-portam (cioè prima della penetrazione). Alla sua età è spesso la norma poiché nella sessualità individuale non ci sono problemi nello scaricare (mi passi il termine che nel linguaggio fisiologico è quello appropriato) rapidamente. Per di più lei è uno sportivo, quindi la muscolatura delle sue gambe, natiche e addominali è bella tonica. Un fatto positivo che le permette di avere una buona forma fisica.
Tuttavia, se desidera gestire la sua eccitazione in modo appropriato ai tempi della partner, sapendo che la donna funziona all’opposto dell’uomo (deve "lavorare" per far crescere il suo livello di eccitazione), tenga conto che troppa intensità muscolare a livello del bacino fa raggiungere rapidamente il massimo livello di tensione sessuale. Quindi dovrà imparare a controllare addominali e glutei al fine di impedire loro di raggiungere troppo velocemente il loro massimo livello di tensione.
Dovrà operare in modo da tenere tale tensione a uno stadio ottimale che permetta il mantenimento dell’erezione ma che rimanga inferiore a quello massimo. Questo è possibile poiché i due muscoli in questione sono gestibili. Si eserciti a muovere il solo bacino facendo lavorare gli addominali ed evitando di contrarre i glutei. All’inizio le sembrerà impossibile riuscirci, ma per uno sportivo come lei l’impresa è più che possibile. Questo movimento diventerà una nuova ed efficace abilità che sostituirà la sua attuale ma insoddisfacente programmazione corporea, che parte al momento in cui inizia l’eccitazione.
Se nel frattempo ha sviluppato ansia per questo problema la invito a ricorrere alla respirazione addominale, coordinata all’oscillamento del bacino (espirando quando il bacino va in avanti). È una questione di allenamento affinché la nuova programmazione corporea diventi automatica nel corso dell’incontro erotico con la sua partner.
22.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Le contraddizioni
faranno gravi danni
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch