Le principali critiche del super esperto alla Pianificazione
Immagini articolo
"Carenze nell'attribuire
le specialità mediche"
PATRIZIA GUENZI


Efficacia e qualità. Sono i pilastri fondamentali su cui deve poggiare una pianificazione ospedaliera. Criteri, che non sembrerebbero però essere stati considerati a sufficienza da chi ha concepito la Pianificazione cantonale 2015. A sostenere una carenza nell'attribuire le specialità mediche, in maniera molto diplomatica e tra le righe del suo rapporto, Willy Oggier, l'esperto di politica sanitaria a cui lo scorso febbraio il governo ha chiesto una perizia sulla Pianificazione, dopo la parziale bocciatura della speciale Commissione parlamentare (Cpo). A sostegno della sua tesi, Oggier fa un esempio: il Cardiocentro di Lugano. "Di tutti i mandati attribuiti, quello al Cardiocentro, dopo l'apprezzamento del fabbisogno, tenendo conto di fattori particolari, è da considerare il più critico", scrive a pagina 43 del suo rapporto. Un rapporto "riservato" che il Caffè pubblica in esclusiva.  
Nelle 52 pagine della relazione, consegnata a fine marzo da Oggier al ministro della Sanita Paolo Beltraminelli, l'esperto - con studio a Küsnacht e consulente di aziende che operano nel settore della salute - cita il Cardiocentro come l'esempio più lampante di una mancata valutazione economico sanitaria. Anche perché, sottolinea, "non sono visibili degli sforzi per ridurre i volumi di attività, più elevati nel confronto intercantonale. Dal punto di vista economico sanitario, a priori almeno, non sembra essere completamente fuorviante l'assunto che, tenendo conto del territorio ticinese limitato e del finanziamento attrattivo del Drg in questo ambito (n.d.r. le tariffe delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti), potrebbero esserci prestazioni indotte dall'offerta".
Insomma, più attenzione ad efficacia e qualità. Ecco perché il presupposto per qualsiasi pianificazione ospedaliera dev'essere un approfondito lavoro di analisi che valuti casi, costi e massa critica. E sul metodo che ha portato alla distribuzione dei mandati, Oggier, sempre a pagina 43, scrive: "L'attribuzione dei mandati una tantum all'interno dell'Ente potrebbe essere giustificabile, visto che non c'erano né il tempo né le risorse necessarie per controllare ogni singola attribuzione. D'altro canto appaiono più problematiche le modalità del processo su come si è arrivati a questo risultato. Se la scelta fosse stata fatta attraverso una revisione dei requisiti dei vari gruppi di prestazione, tenendo conto del numero minimo di casi, si poteva evitare la sensazione di aver favorito singoli ospedali".
Sempre a proposito del Cardiocentro, secondo Oggier, sarebbe stato meglio utilizzare i criteri di offerta e di economicità di altri istituti fuori cantone. Magari facendo una convenzione, ad esempio con una clinica di Zurigo. Perché ormai sul tanto deprecato "treno per la Svizzera tedesca" - usato più volte  come spauracchio per convincere la classe politica a mantenere in Ticino il maggior numero di mandati- molto probabilmente prima o poi bisognerà comunque salire. Difficile che un cantone di 350mila abitanti possa garantire la qualità di ogni singola prestazione sanitaria. Non ci sono i numeri. Di conseguenza, difficile anche riuscire a trattenere in Ticino qualificati professionisti, se i pazienti sono troppo pochi. Con la pratica si accumula preziosa esperienza che va a braccetto con la qualità. A questo proposito, Oggier, a pagina 17 consiglia il Cantone ad impegnarsi nella formazione delle giovani leve per rendere attrattiva la professione medica. "Reclutamento di 'attori' di punta a livello di quadri medici, in particolare negli ospedali di cure primarie e di riferimento. Nel contesto della Pianificazione a lungo termine dovrebbe essere fatto il tentativo, nel caso di periodi di assenze prevedibili, di reclutare dei primari e dei capiservizio che costituiscano un potenziale di incremento a livello cost-weight del Drg rispetto allo status quo". E aggiunge: "Potenziare l'attrattività per il personale di cura di alta qualità nell'ambito medico, delle cure, delle terapie e dell'amministrazione tramite la costituzione di centri di formazione interni".
Ala specifica domanda sul ruolo della Master Medical School, l'esperto osserva a pagina 22: "Una nuova possibilità di formazione per medici, nel Ticino ha senso soltanto se contribuisce in modo attivo e sostanziale alla salvaguardia dell'offerta sanitaria del cantone". Tuttavia, Oggier suggerisce comunque che di fronte a patologie troppo rare o complicate è meglio affidare il paziente alle competenze di professionisti fuori cantone. Magari di quei cantoni in cui, prima della pianificazione, è stata fatta un'approfondita valutazione dei criteri di efficacia e qualità.

pguenzi@caffe.ch
19.04.2015


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.02.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 11.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch