Il picco è tra due settimane. Per vaccinarsi c'è tempo
Immagini articolo
Influenza, è possibile
salvarsi last minute
CAROLINA CENNI


Due notizie. Una cattiva e una buona. La prima è che l'influenza non è passata. Anzi, siamo in fase di crescita e il picco arriverà tra un po'. La buona, invece, è che siamo ancora in tempo per correre ai ripari, per salvarci, last minute, dalla "grippe".
"Per vaccinarsi non è mai troppo tardi - spiega Christian Garzoni, specialista  malattie infettive e medico aggiunto alla Clinica Luganese e Inselspital di Berna -. Visto che il virus sarà ancora presente per circa dieci settimane ne vale la pena. Potrebbe infatti essere ancora efficace, anche se impiega alcuni giorni prima di essere attivo. In ogni caso non fa male, al massimo non ha il tempo di agire". Le categorie a rischio, ovvero coloro che dovrebbero assolutamente ricorrere alla profilassi, sono gli over 65 anni, chi soffre di patologie cardiache, polmonari e di diabete, e i bambini.
Secondo lo specialista, ci troviamo ancora nella fase di crescita. Il picco dovrebbe arrivare più o meno nelle prossime due o tre settimane, sempre che la presenza della malattia sia quella solita, circa due mesi e mezzo. Intanto, l'Ufficio federale della sanità pubblica ha comunicato le cifre aggiornate. Il numero dei casi è aumentato notevolmente la scorsa settimana, da 201 consultazioni per 100 mila abitanti a 285. I cantoni più colpiti sono i Grigioni e Ticino, mentre la categoria  maggiormente presa di mira è quella di bambini e adolescenti. "Ma bisogna tenere presente che negli anziani le conseguenze sono molto più gravi - avverte Garzoni -. Sino ad oggi abbiamo visto che si tratta di un'epidemia con una crescita più rapida rispetto a quella dell'anno scorso".
Molte persone pensano che l'influenza si possa prendere sotto gamba, soprattutto le donne (vedi articolo a lato). Non è così. Ogni anno la "grippe" in Svizzera costringe a letto tra le 100 e le 300mila persone, tra le 4500  e le 13000 in Ticino. Non solo. Causa fra i mille e i cinquemila ricoveri e dai 126 ai mille decessi (da 20 a 45 in Ticino). Di questi, il 90% dei soggetti è ultra sessantenne. Quindi, attenti ai primi sintomi: "È importante fare una distinzione tra sintomi dell'influenza e quelli di virus respiratori, che sono meno gravi e portano un po' di raffreddore e leggera tosse - precisa lo specialista -. Nel caso di influenza l'insorgenza dei sintomi è fulminea e molto brusca, la febbre frequente per vari giorni e molto alta, anche 40 gradi. Nel giro di poche ore si sta male". S'aggiungono pure cefalea, inappetenza, tosse secca, un forte malessere, mialgia, artralgia, forti e frequenti dolori al petto. E in caso di contagio non c'è molto da fare, soprattutto per le persone giovani e sane. Quindi, inutile far finta di niente. Tanto riposo dunque e, soprattutto, evitare di contagiare i colleghi di lavoro. È un attimo, infatti, vedere aule e fabbriche svuotate da studenti e  dipendenti tutti malati. È sufficiente che una persona vada in ufficio, in fabbrica o a scuola con i primi leggeri sintomi per infettare metà delle superfici comuni entro la mattinata. Lo rivela uno studio dell'University of Arizona: bastano quattro ore per infettare maniglie, scrivanie e fotocopiatrici. Per questo è fondamentale lavarsi e disinfettarsi le mani prima di mangiare e bere, ma anche solo per stropicciarsi il naso o un occhio se non si vuol rischiare di autotrasmettersi virus influenzali che abbiamo raccolto poco prima sulle maniglie dell'autobus, del treno o dell'ufficio.
c.c.
03.02.2013


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento