function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il picco è tra due settimane. Per vaccinarsi c'è tempo
Immagini articolo
Influenza, è possibile
salvarsi last minute
CAROLINA CENNI


Due notizie. Una cattiva e una buona. La prima è che l'influenza non è passata. Anzi, siamo in fase di crescita e il picco arriverà tra un po'. La buona, invece, è che siamo ancora in tempo per correre ai ripari, per salvarci, last minute, dalla "grippe".
"Per vaccinarsi non è mai troppo tardi - spiega Christian Garzoni, specialista  malattie infettive e medico aggiunto alla Clinica Luganese e Inselspital di Berna -. Visto che il virus sarà ancora presente per circa dieci settimane ne vale la pena. Potrebbe infatti essere ancora efficace, anche se impiega alcuni giorni prima di essere attivo. In ogni caso non fa male, al massimo non ha il tempo di agire". Le categorie a rischio, ovvero coloro che dovrebbero assolutamente ricorrere alla profilassi, sono gli over 65 anni, chi soffre di patologie cardiache, polmonari e di diabete, e i bambini.
Secondo lo specialista, ci troviamo ancora nella fase di crescita. Il picco dovrebbe arrivare più o meno nelle prossime due o tre settimane, sempre che la presenza della malattia sia quella solita, circa due mesi e mezzo. Intanto, l'Ufficio federale della sanità pubblica ha comunicato le cifre aggiornate. Il numero dei casi è aumentato notevolmente la scorsa settimana, da 201 consultazioni per 100 mila abitanti a 285. I cantoni più colpiti sono i Grigioni e Ticino, mentre la categoria  maggiormente presa di mira è quella di bambini e adolescenti. "Ma bisogna tenere presente che negli anziani le conseguenze sono molto più gravi - avverte Garzoni -. Sino ad oggi abbiamo visto che si tratta di un'epidemia con una crescita più rapida rispetto a quella dell'anno scorso".
Molte persone pensano che l'influenza si possa prendere sotto gamba, soprattutto le donne (vedi articolo a lato). Non è così. Ogni anno la "grippe" in Svizzera costringe a letto tra le 100 e le 300mila persone, tra le 4500  e le 13000 in Ticino. Non solo. Causa fra i mille e i cinquemila ricoveri e dai 126 ai mille decessi (da 20 a 45 in Ticino). Di questi, il 90% dei soggetti è ultra sessantenne. Quindi, attenti ai primi sintomi: "È importante fare una distinzione tra sintomi dell'influenza e quelli di virus respiratori, che sono meno gravi e portano un po' di raffreddore e leggera tosse - precisa lo specialista -. Nel caso di influenza l'insorgenza dei sintomi è fulminea e molto brusca, la febbre frequente per vari giorni e molto alta, anche 40 gradi. Nel giro di poche ore si sta male". S'aggiungono pure cefalea, inappetenza, tosse secca, un forte malessere, mialgia, artralgia, forti e frequenti dolori al petto. E in caso di contagio non c'è molto da fare, soprattutto per le persone giovani e sane. Quindi, inutile far finta di niente. Tanto riposo dunque e, soprattutto, evitare di contagiare i colleghi di lavoro. È un attimo, infatti, vedere aule e fabbriche svuotate da studenti e  dipendenti tutti malati. È sufficiente che una persona vada in ufficio, in fabbrica o a scuola con i primi leggeri sintomi per infettare metà delle superfici comuni entro la mattinata. Lo rivela uno studio dell'University of Arizona: bastano quattro ore per infettare maniglie, scrivanie e fotocopiatrici. Per questo è fondamentale lavarsi e disinfettarsi le mani prima di mangiare e bere, ma anche solo per stropicciarsi il naso o un occhio se non si vuol rischiare di autotrasmettersi virus influenzali che abbiamo raccolto poco prima sulle maniglie dell'autobus, del treno o dell'ufficio.
c.c.
03.02.2013


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00