Rompere le nozze con bon ton. Ecco il galateo dell'addio
Immagini articolo
Il divorzio?
Facciamolo chic
PATRIZIA GUENZI


Le buone maniere prima di tutto. Anche in caso di divorzio. Dirsi addio, sì, ma con stile, senza cadere in stupide ripicche e becere sceneggiate. Già, mica facile però, ne sanno qualcosa le oltre settecento coppie che ogni anno si dicono addio in Ticino (circa 17.500 in Svizzera), sempre più spesso in modo conflittuale. Più semplice, tutto sommato, la rottura tra vip, per cui una schiera di avvocati divorzisti si mette all'opera per trovare la miglior soluzione e, soprattutto, tutelare gli interessi dell'uno e dell'altra. L'ultimo eccellente caso è la separazione tra gli attori Michael Douglas e Catherine Zeta-Jones. Quest'ultima, abile, gli interessi, i suoi, se li era già assicurati prima del "sì": 300 milioni di dollari, uno degli accordi matrimoniali più esosi della storia. Per la maggior parte dei comuni mortali, invece, la musica cambia. In soccorso, siti specializzati che spiegano come muoversi a livello legale. Altri che suggeriscono l'abc del divorzio chic. Ad esempio, comunicare al partner la decisione di lasciarlo guardandolo negli occhi e non via sms, o peggio ancora postandolo su Facebook, e non sbandierarlo ai quattro venti prima di avere informato i familiari. Non poteva mancare un'app dedicata al divorzio, recentissima, disponibile con sistema operativo iOS, Android e Windows Phone. E pure un libro, edito nientemeno da una famosa casa editrice britannica specializzata in pubblicazioni su buone maniere e aristocrazia: "Guida alla separazione civilizzata". Non si sa mai, meglio dargli un'occhiata affinché prima di lasciarsi definitivamente non volino i piatti.
Un aiuto lo possono pure dare i divorce planner, nuove figure professionali per l' accompagnamento pratico al divorzio. Mentre  divorzio.ch, sito completamente gratuito, offre le risposte alle principali questioni sulla la procedura di divorzio in Svizzera. Quali documenti, certificati o estratti preparare, a chi rivolgersi e come affrontare le questioni pratiche, dalla casa al conto in banca. Non manca nemmeno l'elenco dei consultori, centri di aiuto, sostegno e mediazione. Ovviamente, per il bon ton meglio affidarsi ad un'esperta. "Quando di mezzo ci sono le emozioni, in questo caso negative, è difficile rispettare il galateo - nota Edith Dolder, consulente d'immagine -. Tuttavia, con un po' di sforzo si può tenere a bada l'aggressività. Soprattutto se ci sono dei figli non bisogna mai caricarli di frasi negative sull'ex. E poi, avvisare i parenti e gli amici, non fingere e cercare di non rinfacciarsi nulla". Ma anche evitare di distruggere la collezione di quadri o di altro del partner, i regali dei suoi genitori o di raccontare agli amici le sue scarse performance sessuali. Bene, invece, mantenere un comportamento elegante e dignitoso, come inviare gli auguri per Natale ai parenti dell'ex. Cercare un accordo per dividersi mobili, auto e oggetti vari. Pure per gli eventuali animali domestici bisognerà arrivare a una soluzione civile. Ricordando che non faremo il loro bene strattonandoceli a vicenda. Se li prenda chi dei due ha più tempo per occuparsene. Intanto, uno studio norvegese ha dimostrato che nelle coppie in cui le suddivisioni tradizionali dei compiti sono rispettate - alla donna pulizie e cucina, all'uomo bricolage e giardino - la percentuale dei divorzi si dimezza. Come dire: i patti chiari allungano la vita di coppia.

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
18.08.2013


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel