Il Gender Index dell'Onu conferma il gap tra i due sessi
Immagini articolo
Donne penalizzate
e parità lontana
EZIO ROCCHI BALBI


Le donne che vivranno la parità sul posto di lavoro non sono ancora nate. E, visto che negli ultimi dieci anni le pari opportunità professionali per loro sono migliorate solo del 4%, di questo passo - se tutto va bene - la parità sul posto di lavoro si raggiungerà più o meno nel 2095. "È la dimostrazione che la strada è ancora lunga e che, oltre ad un cambio di mentalità, servono leggi ad hoc - osserva Angela Maria Carlucci, presidente dell'Adispo, l'Associazione delle pari opportunità -. Nel mondo del lavoro, ad esempio, non basta sancire per legge l'uguaglianza tra uomo e donna; occorre prevedere delle sanzioni".
Quello del lavoro non è il solo parametro che conferma quanto l'altra metà del cielo sia penalizzata. Istruzione, accesso alla politica, reddito, sanità; l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite sull'indice delle diseguaglianze di genere lancia un allarme a livello internazionale: nonostante i grandi passi in avanti, il divario tra uomini e donne resta grande. Troppo grande. E gli interventi "correttivi" modificano lo status quo con una lentezza esasperante. Il termometro globale della parità, non a caso, dimostra infatti che i Paesi con elevata disuguaglianza di genere subiscono anche la distribuzione più diseguale dello sviluppo umano.
Anche prendendo in considerazione le fasce più alte del "Global Gender Gap Index", tra l'altro, si scopre che attualmente non c'è nessun Paese sulla Terra in cui una donna - pur rivestendo lo stesso ruolo professionale - guadagni quanto un uomo. Stati Uniti inclusi, come ha ammesso l'economista Saadia Zahidi del World economic forum: "In base alla percezione dei dirigenti d'azienda, negli Usa le donne guadagnano circa due terzi del salario degli uomini per un lavoro simile". Certo, la parità non si misura solo a colpi di busta paga, ma restano innumerevoli gli svantaggi e le discriminazioni che affrontano le donne e le ragazze, con ripercussioni negative per lo sviluppo delle loro capacità e la loro libertà di scelta. Il Gender inequality index, infatti - ed è solo uno degli indici appena aggiornati -, misura le disuguaglianze di genere in tre aspetti importanti: la salute, l'"empowerment", che è un mix tra la percentuale di seggi parlamentari occupati da donne in proporzione alle femmine adulte con almeno un'istruzione secondaria, e lo status economico espresso dalla partecipazione femminile al mercato del lavoro. Scandagliando oltre 150 Paesi lo scenario offre un'istantanea della parità poco rassicurante. Anche per la Svizzera che, nel Gender gap index 2014, è slittata di due posizioni passando dal nono all'undicesimo posto del ranking mondiale delle pari opportunità. Un ranking che, da anni, è capeggiato da Islanda, Finlandia, Norvegia, Svezia e Danimarca. "È inaccettabile che i salari femminili siano in media, secondo le statistiche ufficiali della stessa Confederazione, del 25% più bassi dei colleghi maschi; e addirittura del 39% nelle posizioni di quadro - dice Carlucci -. È un dato positivo, invece, che il livello d'istruzione superiore delle donne in Svizzera in pochi anni abbia raggiunto e sorpassato, ad esempio nelle materie scientifiche, quello degli uomini. Ma non serve a nulla se poi, professionalmente, vengono discriminate e quel livello di studi non viene riconosciuto".
Infatti, per quanto riguarda la partecipazione delle donne nel campo economico, nella graduatoria del Global Gender Gap Index la posizione della Svizzera resta immutata al 23esimo posto, ma alla voce "parità salariale" in un anno, dal 2013 ad oggi, il Paese è sceso dal 56esimo al 59esimo posto. Lo stesso Index calcola che in Svizzera, nel 2014, una donna guadagna il 68% del salario medio di un uomo.
Sempre nella fascia alta dei Paesi la stessa Adispo considera essere a buon punto la rappresentanza delle donne in politica, settore in cui la Svizzera resta immutata nella sedicesima posizione. Scende però al 33esimo posto (dal 31esimo del 2013) per le presenze femminili in Parlamento e al decimo per quante ricoprono ruoli ministeriali. È forse utile ricordare, però, che è solo dal 1981 che la Svizzera ha stabilito, per legge, l'uguaglianza tra uomini e donne. E se ci si ricorda che le donne elvetiche hanno ottenuto il diritto di voto solo nel 1971...

erocchi@caffe.ch
@EzioRocchiBalbi
07.12.2014


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I sentieri del Russiagate
portano fuori dagli Usa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch