La sicurezza al top nel nuovo servizio "cloud" di Swisscom
Immagini articolo
Una "nuvola" svizzera
blinda tutti i nostri dati
EZIO ROCCHI BALBI


La nuova memoria di massa, custodita ai massimi livelli di sicurezza possibile, si è trasferita tra le nuvole. Nuvola in senso di "cloud", giusto per indicare quello sconfinato spazio virtuale capace di conservare tutte le nostre foto, i video e i files in "territorio" elvetico. Per tradizione quello più sicuro.  La nuova soluzione di archiviazione online svizzera, poi, ospitata sui server di Swisscom con la formula "myCloud", promette una memoria illimitata e gratuita, il back-up automatico di tutti i contenuti multimediali sul nostro smartphone, una condivisione automatica di foto e video con chi desideriamo e la possibilità di gustarceli sulla tivu di casa con Swisscom Tv 2.0. E che dal punto di vista del business la soluzione sia squisitamente strategica è dato dal fatto che Swisscom, sorvolando sul fatto che abbia gli abbonamenti più cari d’Europa, è il primo operatore telefonico a offrire un servizio cloud degno di questo nome.
"È una soluzione geniale, perché ormai non ha senso memorizzare alcunché fuori dal cloud – commenta l’imprenditore informatico Davide Gai -. Uno strumento che vale per i singoli e le piccole e medie aziende; le grandi aziende, invece, usano una ‘nuvola’ privata. La cosa più interessante è sapere che i propri dati sono custoditi in un server in Svizzera e non sparpagliati in tutto il mondo come fanno i grandi provider globali". Anche la sicurezza è made in Swiss, cioè ai massimi livelli consentiti dalla tecnologia, agli stessi livelli del nostro e-banking: "Per correttezza, però, è meglio ricordare che ancora nessun sistema bancario elettronico può dare piena garanzia anti hacker".
Ma è anche vero che lo stato dell’arte della sicurezza del binomio che vede il principale provider nazionale e i server sul territorio elvetico rappresenta il massimo degli standar percepiti a livello globale, come nota Alessandro Trivilini, docente di Ingegneria del software alla Supsi e autore di diverse pubblicazioni scientifiche sul tema della sicurezza informatica. "Non esiste il concetto di zero rischi - spiega - ma l’evoluzione degli attacchi informatici è sempre più orientata sulle debolezze individuali che non sulle infrastrutture, e le piattaforme di comunicazione elvetiche vantano un’integrità di sicurezza invidiata da tutto il mondo. Anzi, penso che la telefonia non sia neanche più il core business di Swisscom; è ormai all’avanguardia proprio nella gestione garantita della trasmissione dati. Il cloud made in Swiss possiamo quindi considerarlo un prodotto, un servizio da export e non mi stupirei affatto se  stessero già progettando di offrirlo anche in modalità franchising".
L’idea di creare uno spazio che custodisca i dati digitali con un marchio di garanzia di riservatezza, affidabilità e rispetto della privacy, secondo i canoni svizzeri, è anche una grossa opportunità economica di conquistare nuovi mercati. E non necessariamente virtuali, visto che   si stanno allestendo in Svizzera dei siti blindati sotterranei, ex bunker e rifugi militari, dei "caveau" se preferite, dove sofisticati ed iperprotetti server saranno in grado di conservare e custodire "fisicamente" tutti i dati e le memorie digitali più sensibili.
Secondo Gai, ciò fa parte dello stesso disegno strategico, della stessa politica per garantire il massimo livello d’efficienza e sicurezza possibili. "Il punto debole della trasmissione dati via cloud -avverte- potrebbe invece essere condizionato dall’esigenza della ‘nuvola’ che, per operare al meglio, richiede una connessione internet veloce e disponibile ovunque. Inutile ricordare, però, che la Svizzera è un Paese con la migliore connettività al mondo, con la rete 4G migliore d’Europa".
21.08.2016


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00