I consigli del pedagogo per "punire" i bambini
"Il genitore vincente
non obbliga ma spiega"
PATRIZIA GUENZI


La punizione corporale non è mai proporzionata al danno commesso. Arrecare un dolore fisico non è mai giustificabile. Inoltre, nessuna ricerca prova che sculacciate, schiaffi o pizzicotti migliorino il comportamento di un bambino". Questo, in sintesi, il pensiero di un esperto di competenze emotive, il pedagogista Davide Antognazza, che propone altre strategie per far fronte alle malefatte dei nostri figli: "Sono le punizioni creative, o educative - spiega -, e comprendono tutte quelle attività da fare insieme ad un adulto. Ad esempio, aiutare la mamma nei lavori di casa, la maestra nel rimettere in ordine l’aula, il portinaio a pulire le scale.... Il genitore vincente è quello che non obbliga ma convince".
Numerosi studi, sia antichi che recenti, hanno dimostrato che le botte non servono. Anzi, tendono a rendere i bambini più aggressivi e a crescere adulti violenti. "Con molte probabilità ripeterà lo stesso meccanismo punitivo nei confronti dei suoi figli - osserva Antognazza -. In più, nei più piccoli la sofferenza oltre a non rafforzare l’educazione può creare senso di colpa, paura e vendetta". E allora, le "armi" vincenti in mano agli adulti sono pazienza, dialogo  e condivisione. L’esperto consiglia pure di uscire dal solito schema "vai a letto presto", "non usi il computer per una settimana", "ti porto via il cellulare". "Non servono granché e sono poco educative - riprende Antognazza -. Credo invece di più alle punizioni finalizzate ad un certo obiettivo. Sta alla fantasia del genitore renderle più ‘creative’, riuscire ad aggiungervi pure un fine pedagogico".
Tuttavia, è pure vero che oggi molti ragazzi non hanno più un controllo delle proprie emozioni e arrivano ad esasperare gli adulti. Adulti che, a loro volta, sono sempre più stessati e pressati da mille incombenze. Sovente impegnati anche fuori casa, non sempre riescono a tenere a freno i nervi. È facile che lo schiaffo scappi. Secondo gli esperti, il trucco è anticipare la situazione irreversibile in cui si arriva alle mani. Il genitore deve farsi ascoltare e capire senza alzare la voce. "Dobbiamo riuscire a spiegare ai bambini perché siamo delusi, ma senza urlare né minacciare", spiega Antognazza.
Insomma, comprenderli non domarli. Senza dimenticare che servono comunque delle regole "perché così i bambini si sentono protetti".
08.01.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano