I consigli del pedagogo per "punire" i bambini
"Il genitore vincente
non obbliga ma spiega"
PATRIZIA GUENZI


La punizione corporale non è mai proporzionata al danno commesso. Arrecare un dolore fisico non è mai giustificabile. Inoltre, nessuna ricerca prova che sculacciate, schiaffi o pizzicotti migliorino il comportamento di un bambino". Questo, in sintesi, il pensiero di un esperto di competenze emotive, il pedagogista Davide Antognazza, che propone altre strategie per far fronte alle malefatte dei nostri figli: "Sono le punizioni creative, o educative - spiega -, e comprendono tutte quelle attività da fare insieme ad un adulto. Ad esempio, aiutare la mamma nei lavori di casa, la maestra nel rimettere in ordine l’aula, il portinaio a pulire le scale.... Il genitore vincente è quello che non obbliga ma convince".
Numerosi studi, sia antichi che recenti, hanno dimostrato che le botte non servono. Anzi, tendono a rendere i bambini più aggressivi e a crescere adulti violenti. "Con molte probabilità ripeterà lo stesso meccanismo punitivo nei confronti dei suoi figli - osserva Antognazza -. In più, nei più piccoli la sofferenza oltre a non rafforzare l’educazione può creare senso di colpa, paura e vendetta". E allora, le "armi" vincenti in mano agli adulti sono pazienza, dialogo  e condivisione. L’esperto consiglia pure di uscire dal solito schema "vai a letto presto", "non usi il computer per una settimana", "ti porto via il cellulare". "Non servono granché e sono poco educative - riprende Antognazza -. Credo invece di più alle punizioni finalizzate ad un certo obiettivo. Sta alla fantasia del genitore renderle più ‘creative’, riuscire ad aggiungervi pure un fine pedagogico".
Tuttavia, è pure vero che oggi molti ragazzi non hanno più un controllo delle proprie emozioni e arrivano ad esasperare gli adulti. Adulti che, a loro volta, sono sempre più stessati e pressati da mille incombenze. Sovente impegnati anche fuori casa, non sempre riescono a tenere a freno i nervi. È facile che lo schiaffo scappi. Secondo gli esperti, il trucco è anticipare la situazione irreversibile in cui si arriva alle mani. Il genitore deve farsi ascoltare e capire senza alzare la voce. "Dobbiamo riuscire a spiegare ai bambini perché siamo delusi, ma senza urlare né minacciare", spiega Antognazza.
Insomma, comprenderli non domarli. Senza dimenticare che servono comunque delle regole "perché così i bambini si sentono protetti".
08.01.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch