Punizioni corporali vietate per legge, ma in Svizzera...
Immagini articolo
Addio alle sculacciate
in oltre cinquanta Paesi
EZIO ROCCHI BALBI


Sculacciate e schiaffi, addio. Il parlamento francese nei giorni scorsi ha approvato una legge che vieta a genitori ed educatori di infliggere punizioni corporali ai bambini. La Francia si aggiunge così agli altri 51 Paesi in cui la sculacciata è già stata vietata. Paesi che, purtroppo, non comprendono la Confederazione. Ma per quanto il fronte della "non violenza" sui minori si allarghi con la ferma convinzione che il dolore fisico sui più piccoli sia inutile e, adesso, anche perseguito dalla legge, c’è ancora una lunga strada da percorrere. Sono solo il 10 per cento dei bambini del mondo, infatti, ad essere completamente protetti dalla legge da tutte le punizioni corporali. E sono addirittura 34 gli Stati dove la fustigazione è ancora lecita, sia nell’ambito educativo, sia come condanna per i reati commessi da minorenni.
Ad aggiornare la mappa globale su quanto sia rispettata la "Convenzione sui diritti del fanciullo" ci ha pensato l’organizzazione End All Corporal Punishment of Children (vedi infografia in pagina), che ottimisticamente registra un progresso, anzi un’accelerazione  verso il raggiungimento di un totale divieto di tutte le punizioni corporali dei bambini. Oltre ai 52 Paesi in cui è vietato sculacciare per legge, l’organizzazione elenca ben altri 55 Stati  che si sono impegnati formalmente a raggiungere un completo divieto legale.  La Svizzera non figura nemmeno tra questi, anche se  l’articolo 11 della Costituzione federale stabilisce che i fanciulli e gli adolescenti hanno diritto a particolare protezione della loro incolumità. Peccato, però, che nelle leggi elvetiche l’uso della violenza nell’educazione non sia vietato espressamente da nessuna parte, a differenza di altri 26 Paesi europei, tra le vicine Germania, Austria, Liechtenstein e, appunto, da qualche giorno anche la Francia.
"Come metodo educativo la violenza non è mai efficace e legittima - osserva Flavia Frei, responsabile dell’associazione nazionale Protezione dell’infanzia Svizzera che, dal 1998, ogni anno aderisce al "No Hitting Day", la giornata del 30 aprile per ricordare che i bambini hanno diritto a un’educazione non violenta -. Questo principio dovrebbe rispecchiarsi anche nella legislazione svizzera. Per ciò, da tempo rivendichiamo, per il bene dei bambini e dei genitori, l’iscrizione nel Codice civile svizzero del diritto ad un’educazione non violenta".
Per quanto i contrari a un divieto legale della violenza sui bimbi sostengano che in questo modo lo Stato si intrometterebbe eccessivamente, la stragrande maggioranza degli educatori elvetici ha bandito da tempo le punzioni corporali. "Anche perché, oltre che inutili, possono contribuire a crescere bambini aggressivi", spiega il pedagogo Davide Antoniacci (vedi a fianco).
Per correttezza va comunque ricordato che, statisticamente, genitori ed educatori svizzeri sono tutt’altro che maneschi.  Cosa che non impedisce al report globale di "End Corporal" di segnalare come nella Confederazione l’obiettivo di bandire schiaffi e sculacciate sia ancora da realizzare in casa, ambiti di cura alternativi, asili, scuole e istituti di pena. Anche se la conferma esplicita del diritto dei genitori di punire i bambini è stata rimossa dal codice civile elvetico, la giurisprudenza permette comunque ai genitori un "diritto di correzione".  Un "diritto" che il Consiglio nazionale ha più volte ribadito negli ultimi anni, affermando che "la legislazione vigente in materia di lesioni personali e violenza protegge adeguatamente i bambini dalle punizioni corporali".
E allora, i Paesi "primi della classe" in materia restano altri. A partire dalla Svezia, che fu la prima, quasi quarant’anni fa, nel 1979, a fare da apripista alle leggi anti sculacciate. Quattro anni dopo toccò alla Finlandia, seguita da Tunisia, Polonia, Lussemburgo, Irlanda, Austria e molti altri Stati nel mondo. Lo scorso anno, oltre alla Francia, si sono aggiunti anche la Mongolia, il Paraguay e la Slovenia.

erocchi@caffe.ch
@EzioRocchiBalbi
08.01.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano