Una vacanza negli Usa si trasforma in un "movie tour"
Immagini articolo
Cineturisti
per caso
EZIO ROCCHI BALBI


Nella patria dello show-business gli appassionati di cinema e serie tv hanno a disposizione tour operator, guide ad hoc e pacchetti turistici completi per rivivere, un po’ in tutte le città americane, la sensazione di essere sul set dei film più famosi con veri e propri "movie tour". Nel loro primo viaggio negli Stati Uniti, invece, il presidente della Ticino Film Commission Nicola Pini e la moglie Angela hanno preferito lasciarsi prendere dalla sorpresa, imbattendosi da veri "cineturisti per caso" con la stazione de "Gli Intoccabili", con l’albergo di "Minority Report" o - solo grazie alla coda di persone che attendeva all’ingresso - col famoso ristorantino dell’altrettanto famosa scena dell’orgasmo simulato da Meg Ryan in "Harry ti presento Sally". La loro breve vacanza tra New York e Washington è così diventata un’autentica caccia al tesoro, tra le location di serie tv di successo, pellicole da Oscar, vetrine "cult" entrate nell’immaginario collettivo come quella di "Colazione da Tiffany" che ha trasformano Audrey Hepburn in un’icona. Certo, la Grande Mela non ha esattamente le stesse dimensioni cinematografiche del Ticino, ma qualche ideuzza su come replicare il "movie induced tourism", l’indotto turistico del cinema, a Nicola Pini l’ha data comunque.

Guarda, quella è la casa di Mia Farrow in "Rosemary’s Baby", quell’altra è dove abita Carrie di "Sex and the City". Là il negozio di giocattoli di Tom Hanks in "Big" e più in fondo la biblioteca di "Ghostbusters", di "The Day after Tomorrow" e di quell’altro film… come si chiamava?
La breve vacanza americana tra New York e Washington del 32enne presidente della Ticino Film Commission Nicola Pini e della moglie Angela, 30 anni, ha rischiato da subito di trasformarsi in un "viaggio di lavoro". Impossibile, soprattutto per un appassionato di cinema, non rimanere affascinati dal "movie induced tourism", il cineturismo diventato redditizio fenomeno di massa, generato da chi visita le location cinematografiche e televisive, ossia i luoghi utilizzati per le riprese di un film o di una serie tv rimasti nell’immaginario collettivo. "E gli Stati Uniti, sotto questo punto di vista, sono sicuramente quanto di più vicino al set cinematografico più grande del mondo - racconta Pini che, anche se era alla sua prima trasferta a New York, appena sceso dall’aereo ha avuto l’impressione di conoscere già tutto -. Soprattutto nella Grande Mela, dove subito ti imbatti nei taxi, le auto della polizia, gli scuola-bus gialli, i tombini fumanti… Tutte cose familiari, che hai visto e rivisto in tanti film al punto che ti sembra di averli sempre avuti intorno. Insomma, non ero mai stato a New York, ma mi sentivo stranamente come se la frequentassi da una vita".
E girando per Manhattan è inevitabile imbattersi in "inquadrature cinematografiche" dall’impatto immediato, che subito ti catapultano in sequenze cult. Davanti alla vetrina del negozio Tiffany in Fifth Avenue ti sembra strano non ritrovare Audrey Hepburn con tubino nero e occhiali da sole, e sotto la statua dorata della pista di pattinaggio del Rockfeller Center sembrano ancora volteggiare tutti i protagonisti di "Serendipity", "Autunno a New York", "Uno sguardo dal cielo". "È proprio così, al punto che per gustarci il re dei set newyorchesi, l’Empire State Building, siamo saliti sul Rockfeller - racconta Pini -. Il grattacielo più famoso ha fatto da location a tanti film, da ‘Un amore splendido’ a ‘Insonnia d’amore’, ma visto dall’alto e immaginarsi King Kong abbracciato alla cima è stata una visione immediata". Ovviamente il Ticino, per cineturismo, non può competere con la "materia prima" di New York, ma il presidente della Ticino Film Commission sottolinea come l’iniziativa ticinese, oltre ad essere la prima nel Paese, è considerata un "modello" dalla Confederazione. E non a caso ora altri cantoni sembrano volerne ricalcare la strada. "Una strada che, nel suo primo anno di attività, ha sviluppato una decina di progetti che hanno prodotto 600mila franchi di indotto - ricorda Pini -. Il nostro è un progetto di politica economica, non di politica culturale, che come primo scopo ha mettere in rete tutto quanto fa cinema a livello locale, quindi attirare produzioni audiovisive nazionali e internazionali al fine sia di generare indotto economico, sia di promuovere turisticamente il nostro territorio". E l’obiettivo, comunque a lungo termine, non necessariamente dev’essere quello di trasformare le location ticinesi in luogo di pellegrinaggio cinematografico. "Anche se non mi dispiacerebbe assistere a scene come quella davanti al Katz’s Delicatessen, dove siamo passati per caso - racconta divertito Pini -. C’era la coda davanti al ristorante dove è stata girata la famosa scena in cui Meg Ryan simula un orgasmo in ‘Harry ti presento Sally’. Nessuna possibilità di ottenere un posto allo stesso tavolo, ma tutti volevano poter dire ho mangiato lì, magari postando un selfie sui social".
La stessa coda Angela e Nicola hanno trovato, e affrontato, per cenare da "Bubba Gump Shrimp", una catena di ristoranti creata dal successo e dalle ricette coi gamberi di Bubba, l’amico di Forrest Gump nell’omonimo film. "Incredibile; tutto nel locale si immedesimava nel film - racconta entusiasta Pini -. C’era persino la panchina, la valigetta e la scatola di cioccolatini di Hanks quando, con la bocca piena, ripete che ‘stupido è chi lo stupido fa’. C’erano anche le sue scarpe… Quello che spiccava era anche il senso del business di questi cine-punti di ritrovo, che anche nella capitale rimandano da un film all’altro". Ormai contagiati dalla febbre della location Angela e Nicola hanno continuato a suggerirsi a vicenda i set di Washington più famosi: entriamo nella Union Station di "Danni collaterali" con Arnold Schwarzenegger, guarda gli Archivi nazionali in "Jfk" di Oliver Stone, "Tutti gli uomini del presidente", il "Mistero dei Templari"… "Ci siamo ritrovati davanti al Lincoln Memorial e potevano fare a gara a chi ricordava più film, da Independence Day a Armageddon, da Spy a G.I. Jane - aggiunge Pini -. E la stessa cosa vale per la Casa Bianca, che tra l’altro è vicinissima al Willard Intercontinental del finale di ‘Minority Report’ con Tom Cruise. E sorvolo sulle serie tv, perché mi sembrava proprio di essere sul set di ‘Scandal’ e ‘House of Cards’…".

erocchi@caffe.ch
@EzioRocchiBalbi
19.03.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia riprende
ma la paura rimane
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il dialogo possibile
fra Corea e Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch