L'analisi del sociologo Bertossa sulla classifica della gioia
Immagini articolo
"La felicità svizzera
condizionata dai soldi"
EZIO ROCCHI BALBI


La felicità di vivere in Svizzera è indiscutibile, ma forse i parametri Onu dell’Happiness Ranking sono troppo condizionati dai fattori economici. Il sociologo Luca Bertossa dà per giustamente scontato che il Paese anche quest’anno sia ai vertici della speciale graduatoria, "Ma basta osservare i dati nel dettaglio per scoprire che il Pil procapite è predominante, così come la sicurezza del welfare e l’aspettativa di vita - dice Bertossa -. Tutte caratteristiche ‘classiche’ della Svizzera, ma mi chiedo se, oggettivamente, la percezione della felicità non dovrebbe essere considerata con parametri diversi nelle varie regioni del globo".
Quali parametri non la convincono?
"Sono tutti parametri legittimi, per carità, ma mi sembra come la misurazione dell’intelligenza, che in fondo è affidata ai soli test che determinato il Q.i mentre sappiamo che ha molteplici sfaccettature. Quindi parametri standard, ma forse troppo ‘business oriented’".
La libertà, nella vita, di prendere decisioni, fare scelte non è un fattore economico.
"Vero, ma bisognerebbe distinguere se questa libertà è legata alle scelte di base - formazione, impiego, eccetera - che rientrano nelle sicurezze garantite dal Paese, oppure parliamo di decisioni che comportano anche la necessità di ingegnarti per rispettarle. E in questo la Svizzera non mi sembra brillare".
Sapere che puoi contare su un sistema sociale efficiente è sicuramente motivo di felicità.
"Non lo metto in dubbio, ma anche in questo caso si è più felici perché sai che, se ti ritrovi in difficoltà ci pensa l’assicurazione o l’assistenza statale, oppure perché hai una rete sociale, parenti e amici, su cui fare affidamento?".
Eppure questi parametri sono universali, gli stessi adottati per tutti i Paesi.
"Sì, una parte indicata dalla Banca mondiale, parte dall’istituto di ricerca Gallup, ma secondo me qualcosa non quadra..."
A cosa si riferisce?
"Trovo difficile accettare che negli Emirati Arabi siano più felici che in Francia e in Spagna, e che nonostante tutte le difficoltà in Uzbekistan il tasso di felicità sia più alto dell’Italia e il doppio del Portogallo".
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
S'investa sui migranti,
una fantastica risorsa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch