Addio alle merendine per il primo pasto della giornata
Immagini articolo
La colazione più sana
è quella della nonna
PATRIZIA GUENZI


Merendine, dolci, biscotti e prodotti industriali  da forno addio. La colazione diventa salutista. Complice, anche, la voglia di risparmio, si torna all’autoproduzione, mantenendo qualità e gusto. Come facevano le nonne di un tempo: pane, biscotti e torte fatti in casa, con l’obiettivo di evitare il più possibile gli sprechi. Per noi consumatori moderni si tratta, anche, di ridare il giusto valore al pasto più importante del giorno, spesso consumato di fretta. Con più semplicità e meno grassi saturi, dannosi per la salute e il cui apporto nutrizionale è scarso.
Una diminuzione nella vendita di merendine e simili per la prima colazione è confermato anche da Migros Ticino: "Negli ultimi anni abbiamo registrato un leggero calo delle vendite di questi prodotti - dice il portavoce Luca Corti -. Difficile dire se sia dovuto ad una tendenza più salutista o piuttosto alla crescita del fenomeno del turismo degli acquisti visto che molti di questi articoli sono tipicamente italiani". Una cosa è certa: oggi c’è la consapevolezza di quanto grassi e zuccheri siano dannosi per la  salute. Come quelli contenuti nei pacchi di cereali o negli snack industriali, tanto per fare un esempio. Senza dire che in uno yogurt ci sono sino a quattro zollette di zucchero! Il limite da non superare, secondo l’Oms, è di 50 grammi al giorno, circa 12 cucchiaini da caffè. Ma per ottenere un maggiore beneficio per la salute queste quantità dovrebbero essere dimezzate. Non bisogna infatti calcolare soltanto i cucchiaini messi ogni giorno nel tè o nel caffè, ma anche quelli contenuti in gran parte dei prodotti che comperiamo. In una bibita gassata in lattina spesso c’è già la metà del totale di zuccheri aggiunti da non superare al giorno, in un bicchiere di tè freddo ce ne sono dai 20 ai 30 grammi.  
Lo scopo è duplice: un occhio alla salute e uno al borsello acquistando meno prodotti industriali. Almeno la colazione, il pasto più importante della giornata, dovrebbe essere fatto come Dio comanda. Tornando alla tradizione. Senza sottostare al diktat della pubblicità, capace di far sentire in colpa un esercito di mamme che non riforniscono di sfiziosi dolcetti preconfezionati i loro pargoli.
Da qualche anno anche le  industrie alimentari hanno diminuito la quantità di zucchero nei loro prodotti. E i consumatori sono diventati più attenti e leggono le etichette. I grandi magazzini da tempo hanno fiutato l’affare, proponendo decine e decine di prodotti bio in alternativa ad un’offerta più industriale. E le vendite danno loro ragione. L’etichetta biologica attira sempre. È certezza di qualità. Lo sanno bene gli studiosi di mercato, che lavorano quotidianamente nel tentativo di indirizzare i bisogni delle masse.
In Svizzera il primato nel mercato del biologico se lo contendono Coop e Migros. Un mercato che continua a crescere: nell’ultimo anno il numero delle aziende del settore così come quello dei consumatori è significativamente aumentato. E la Confederazione è al primo posto per la spesa pro capite di prodotti bio. Il che fa ben sperare.

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
07.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe