Il valzer degli allenatori commentato da Livio Bordoli
"Le nostre valigie
sono sempre pronte"
MASSIMO SCHIRA


L’allenatore negli sport di squadra è spesso una sorta di parafulmine, che attira su di sé gli strali quando i risultati sul campo non sono consoni alle aspettative del club o dei tifosi, oppure quando il suo "messaggio" non viene più recepito dai giocatori. Anche se per le società la gestione economica di un esonero diventa sempre più un problema difficile da gestire viste le ristrettezze finanziarie in cui versano molte squadre, a "pagare" con la perdita del lavoro - alla fine - è sempre l’allenatore. E, quindi, è comprensibile che, nel corso delle trattative con i vari club, i tecnici cerchino di tutelarsi chiedendo contratti di lunga durata. "È l’unica strada possibile da seguire, ma i fatti dicono che è sempre più raro riuscire ad avere accordi pluriennali - spiega Livio Bordoli, l’allenatore che ha guidato il Lugano in Super League ed ex tecnico anche di Chiasso, Aarau, Wohlen, Bellinzona e Locarno -. In Svizzera poi le cifre in gioco non sono certo quelle faraoniche che si leggono per gli allenatori più noti. Anzi. Siamo sempre con le valigie in mano in questo mestiere e non bastano due o tre anni in panchina per sistemarsi per la vita".
A differenza della carriera di calciatore, quella di allenatore può essere comunque considerata più lunga. Non sono rari gli esempi di tecnici ancora saldamente in panchina anche oltre i sessant’anni. "Il problema è che sul mercato ci sono molti allenatori e molti accettano anche offerte al ribasso - osserva Bordoli -. Il che significa che molte squadre non tengono in considerazione la componente qualitativa. Conta soltanto poter avere accordi magari a termine o di una stagione". D’altra parte, il calcio oggi è diventato sempre più un business, anche per le scelte in questo senso promosse dalle varie Federazioni, quella elvetica inclusa. E anche a chi siede in panchina sono richieste competenze molto più professionali rispetto al passato, ma a mancare è una vera e propria linea operativa. "Per allenare ad alto livello ad un allenatore svizzero sono necessarie certificazioni piuttosto complicate da ottenere - conferma Livio Bordoli -. Come ad esempio il diploma Uefa-Pro, che è quello che permette di allenare in Super League e in campo internazionale, che richiede 5, 6 o 7 anni di lavoro per ottenerlo. Chi arriva dall’estero, invece, spesso lo ottiene con molto meno sforzo". E, di conseguenza, accetta contratti più modesti.
14.05.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14