Cresce il numero di piattaforme per una tv personalizzata
Immagini articolo
Coi programmi Netflix
palinsesti su misura
ALESSANDRA COMAZZI


Non aspettare che qualcuno decida per noi, ma potersi organizzare il proprio palinsesto personale. Era un miraggio, adesso è realtà, grazie a Netflix, a Sky on Demand, a RaiReplay, a Tim Vision, a tutte quelle piattaforme, destinate ad aumentare, che consentono di vedere, grazie a internet, le smart tv, i computer, quel che si vuole quando si vuole. È di pochi giorni fa la notizia che la Disney, il colosso Disney, un colosso vero, non userà più, per i propri contenuti, la piattaforma Netflix, ma se ne farà una per conto proprio, staccandosi dalla condivisione. E, c’è da scommetterci, sarà un’ulteriore rivoluzione. Insomma, il televisore è morto, viva la televisione. Per Nicholas Negroponte, autore di "Being digital", essere digitali, e fondatore del mitico Mit, il Media Laboratory del Massachusetts Institute of Technology, la televisione è sintesi di un’epoca passata nella storia delle comunicazioni; è il mezzo tipico del consumo passivo e massificato, della povertà culturale. Viceversa, la comunicazione digitale mediata dal computer sarebbe portatrice di valori opposti: interattività; possibilità di moltiplicare i messaggi sulla base delle esigenze diverse dei pubblici diversi; potenzialità culturali illimitate, che bella illusione.
Arduo capire, prevedere. Come diceva Bohr, il fisico: "È sempre difficile fare previsioni, specialmente sul futuro". Cambiare, era inevitabile. Certo non sono più i tempi della tv generalista per eccellenza, quelli dei monopoli delle frequenze di Stato, quando i programmi erano davvero condivisi, i sabati sera dell’italiana Rai seguiti anche da 25 milioni di spettatori. Praticamente tutto il bacino di utenza, disperso ora in mille rivoli, tra reti generaliste, tematiche, web tv e piattaforme assortite, confluiva verso un’unica trasmissione. Lo schermo era uno solo, quello del televisore. Uno solo il supporto tecnico. Con il passaggio dall’analogico al digitale, gli schermi si sono moltiplicati. Ora più che mai dovrebbero prevalere i contenuti. Ecco perché Disney si dissocia da Netflix. Preferisce fare per conto suo. E da parte sua Netflix sta intensificando le produzioni proprie: non più soltanto un imponente trasmettitore, ma un "broadcaster" importante. Internet si ciba di televisione, è come una pianta saprofita che vive su di lei. Un travaso produttivo sarà magari lento ma inevitabile: produrre per internet costa meno e il potenziale numero di spettatori sconfinato.
In fondo la televisione è un elettrodomestico, e internet è un ecosistema. Orson Welles che, avendo realizzato "Quarto potere" se ne intendeva, diceva che la tv scorre "come l’acqua in cucina". Figuriamoci le emittenti sulle piattaforme internet. Stanno producendo serie, miniserie, documentari, film, cartoni animati, tv per i ragazzi, tutto quello che può interessare il pubblico, nel frattempo opportunamente globalizzato. Pubblico che d’altronde si sta abituando a pagare i programmi realizzati per la rete: pay internet tv. Mentre gli utenti sono considerati soggetti economici, che credono forse di partecipare più attivamente al mondo, rischiando in realtà lo sfruttamento. Lo schermo che storicamente è stato interpretato come finestra, vetro, specchio, occhio, paratia, cartellone, adesso diventa un passaggio, nella tv di flusso. La metropoli contemporanea, attraversata dai flussi della comunicazione digitale, si è trasformata in uno spazio espanso in cui gli schermi svolgono la funzione di vere e proprie soglie attraverso cui inserire dati personali, commenti, notizie. Gli schermi impazzano: sembra avverarsi la profezia di "Blade Runner", le città trasformate in tante Times Square esacerbate e visivamente violente, dovunque immagini, digitali se non reali, ogni attesa possibile, ogni cammino, saturi di fotogrammi variamente declinati. Il rapporto tra cinema e tv, in tutto questo, resta fondamentale, che si prepari un palinsesto per una rete generalista o tematica. Il palinsesto è una forma di orologio, e l’orologio della tv, dovunque essa si guardi, si sovrappone a quello sociale.
"Video Killed the Radio Star", diceva la canzone dei Buggles, anno 1979. E invece la televisione non ha ucciso le radio star, come non ha ucciso il cinema. E così, a sua volta, nemmeno internet ucciderà la televisione.
27.08.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel