Le polemiche in Ticino per l'assunzione di un docente
Ma "prima i nostri"
c'era già 117 anni fa
LIBERO D'AGOSTINO


Sembra scritta nei giorni nostri la "Lettera del maggio 1900". Francesco Chiesa racconta della decisione del governo di assumere un docente di matematica straniero. Una scelta che suscita le critiche feroci dei partiti di opposizione e dei giornali ostili all’esecutivo. "Straniero? Ebbene che importa? Chiederete voi.  Oh, ignari! Ma non sapete che voglia dire straniero in terra iperbolica? -  scrive Chiesa -. Vuol dire qualche cosa come una macchia ignobile e irrimediabile che tutto avvolge e che tutto imbeve, corpo e spirito (…). Prendete una bilancia, accogliete in un piatto la sapienza matematica di uno straniero, e nell’altro l’ignoranza matematica di un cittadino: la bilancia propenderà dalla parte dell’ignoranza patria. Naturalmente non tutte le bilance potrebbero servire a quest’elegante esperimento; è d’uopo far uso d’una bilancia iperbolica".
Per quella assunzione nel parlamento si scatenano le polemiche. Fino a che il deputato Caifasso non presenta  un perentorio ordine del giorno: "I concorrenti nazionali (indigeni si direbbe ora, ndr) dovranno in ogni caso essere preferiti ai concorrenti stranieri". Un deputato del centro propose un temperamento: "Non diciamo in ogni caso, sarebbe assurdo: diciamo a parità di titoli, diciamo almeno che i concorrenti nazionali saranno preferiti qualora presentino garanzie sufficienti di capacità". Parole vane, il temperamento fu respinto, l’ordine del giorno di Caifasso fu accolto nella sua integrità. "Votarono per il dazio protettore dell’ignoranza patria quasi tutti i deputati di opposizione e parecchi della maggioranza". Centodiciassette anni fa nel Paese dell’iperbole, si discuteva già di "Prima i nostri" e della " preferenza indigena".
03.09.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno