Le lettere di Chiesa rilette attraverso personaggi di oggi
Immagini articolo
Il Paese dell'iperbole
non tramonta mai
LIBERO D'AGOSTINO


Dove, se non nella "Repubblica dell’iperbole", poteva nascere quel primanostrismo convinto che un cantone di appena 2.812 chilometri quadrati e 350mila anime possa fare tutto da sé. Sicuro che per rimettere le cose a posto, bisogna mostrare i muscoli a Berna, a Roma e a Bruxelles. Chissà cosa avrebbe scritto oggi Francesco Chiesa di un Ticino che, scosso da convulsioni identitarie e pompato da politici "tonitruanti" si percepisce come l’ombelico di un mondo autarchico ed autosufficiente. "Le lettere iperboliche" dell’intellettuale ticinese, ripubblicate dall’editore Dadò, un secolo dopo sono ancora di un’attualità agghiacciante. Non solo per la loro freschezza nel descrivere il clima politico e culturale del Paese - basta ricordare, al proposito, la Lettera del maggio 1900 sulle feroci polemiche "patriottarde" contro l’assunzione di un docente straniero (vedi articolo al centro), ma anche per i tipi umani tratteggiati. Avvocati, politicanti, magistrati, giornalisti e gente comune, calchi immutabili di quella mentalità "iperbolitana", sui quali si possono ben adattare i profili dei personaggi di oggi.
Nella Repubblica "dell’avvocatocrazia", impossibile non cominciare dall’avvocato degli avvocati. Fulvio Pelli, ad esempio, è assimilabile all’avvocato "Girasole" o all’avvocato "Talpa"? A prima vista sembra l’odierna controfigura dell’avvocato "Girasole" per la sua capacità di godere sempre, di poltrona in poltrona, dei riverberi del Potere, sebbene non prediliga "il principio del far tutto alla luce del sole", imperdonabile difetto che ha rinfacciato all’ex ministro Laura Sadis. Col suo scavare in profondità, col muoversi da eminenza grigia dietro le quinte,  ha però anche qualcosa dell’avvocato "Talpa". Probabile che Pelli, un secolo dopo le profetiche parole di Chiesa, sia il fortunato ibrido tra questi due tipi, prodotto da quel fantasmatico "laboratorio politico", come usa dire oggi, che è diventato il cantone.
Scendendo più in basso, ecco l’iperbolica furia politica del giovane presidente udc Piero Marchesi che, per legittimare un’illegalità istituzionale, si appella alla più eroica delle virtù rimproverando al governo la "mancanza di coraggio" nell’applicare l’iniziativa "Prima i nostri". E che dire di Tiziano Galeazzi, il deputato udc che augura a Ignazio Cassis l’elezione in Consiglio federale, ricordandogli le sue radici malcantonesi e che, quindi,  dovrà darsi da fare anche per questa regione. Un fazzoletto di terra elevato tra gli interessi nazionali del Paese. Le fisionomie iperboliche di cui Galeazzi, anche per altre sortite, è un magnifico esemplare abbondano nel Gran consiglio, dove regna la convinzione che per mandato popolare si possa dire di tutto, o tacere, di tutto. Non è esageratamente inverosimile la giustificazione di Alex Farinelli, capogruppo plrt, che nel pasticciaccio di Argo1 non ha passato ai colleghi della commissione di  vigilanza la ritrattazione di uno dei protagonisti dello scandalo, ritenendola "una comunicazione privata". E sull’irruenza verbale del presidente ppd Fiorenzo Dadò, Chiesa avrebbe annotato: che "sventolar fiamme di bengala"... che "rumoreggiare" con voce ammonitrice. Dadò è in ottima compagnia in un parlamento che, contagiato dal virus del populismo, è la scena aperta della retorica iperbolica come "manifestazione di diritto pubblico". Ma nell’eloquio spropositato brilla di luce propria il leghista Boris Bignasca, il quale aveva trionfalmente debuttato in politica sollecitando Berna a dichiarare guerra alla Libia per dare una lezione ad Hannibal Gheddafi.
In governo spicca per la sua ipertrofia comunicativa il ministro della sanità Paolo Beltraminelli. Travolto dall’uso compulsivo dei social media, divulga in tempo reale tutte le inezie che gli passano per la testa, ritenendole riflessioni degne di nota. Il collega Norman Gobbi, invece, ha perso sì 30 chili, ma la bulimia sovranista gli è rimasta. Il direttore delle Istituzioni per la sua politica muscolare trova sempre dei buoni bersagli purché siano stranieri: frontalieri e marioli d’oltre confine, migranti e rifugiati, tutti da ingabbiare nella sua strategia securitaria. Ma la summa del pensiero iperbolico dell’autosufficienza cantonale è Il Mattino diretto dal consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri. Di domenica in domenica offre ai suoi fortunati lettori la declamazione ossessiva contro Fallitalia, i lavoratori d’oltre confine, gli asilanti, gli immigrati e i camerieri di Berna asserviti a Roma e a Bruxelles.
Alla domanda quando finirà la Repubblica dell’iperbole, Chiesa rispondeva: "Solo quando il popolo iperbolitano ritroverà il senso della misura e della dimensione".
03.09.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile