L'antropologo Marino Niola sulla civica insegnata a scuola
"Oggi l'analfabetismo
è sulle istituzioni"
MASSIMO SCHIRA


Tra i compiti della politica, c’è anche quello di progettare la scuola. Di porre le basi affinché la trasmissione della cultura sia efficace, ma anche che si formino i futuri cittadini. Non si può dunque parlare di ingerenza politica nella scuola". Secondo l’antropologo Marino Niola, mai come ora l’introduzione dell’educazione alla civica come materia obbligatoria a scuola è necessaria. "Ho sostenuto questa necessità anche in Italia - osserva , perché c’è sempre meno consapevolezza di nozioni come quelle legate alla Costituzione o alla costruzione dello Stato, che un tempo erano di dominio comune. Siamo in un periodo di analfabetismo istituzionale".
Dietro questo cambiamento, che Niola percepisce a livello europeo, secondo l’antropologo ci sono ragioni piuttosto chiare. "La rete e, prima ancora, la televisione, hanno contribuito a sollevare una sorta di polverone istituzionale - spiega -. Che ha fatto sì che i cittadini non riescano più a percepire i confini dei loro diritti e dei doveri politici. Molti, non soltanto giovani, non sanno nemmeno di cosa si stia parlando". L’importante, dice Niola, è che ci si impegni per evitare che un argomento tanto importante scivoli sul rischio di essere politicamente strumentalizzato per fini populistici o nazionalistici.
"La politica ha fra i suoi ruoli anche quello di orientare e disegnare la società - conclude Niola -. Al cittadino, poi, spetta il compito di interpretare liberamente questo disegno. Ma la politica deve tornare a fare il suo mestiere, compito che negli ultimi 15-20 anni ha troppo spesso demandato all’economia e alla cosiddetta società civile".
10.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin