Scontro salutisti-tabagisti sulle sigarette negli spazi aperti
Immagini articolo
Libertà di fumare
tra i divieti di fumo
M.C. /M. SC./ M.SP.


Vietato vietare". Vale lo slogan sessantottesco per Franco Ambrosetti, musicista, ex presidente della Camera di Commercio: "Da liberale sono contrario a qualsiasi divieto. Da ex fumatore (ho smesso trent’anni fa) non capisco questa voglia di proibizionismo. Il fumo all’aperto, parchi o stazioni che siano, che male fa?".  Che male fa lo spiega Nadia Ghisolfi nell’intervista qui a lato. La deputata ppd ha presentato una serie di mozioni contro il fumo nei parchi e negli spazi aperti dedicati ai bambini, nelle stazioni, alle entrate degli uffici pubblici. Iniziativa che rischia di riesumare il clima di scontro frontale fra tabagisti e salutisti di una decina d’anni fa. Scontro che vide soccombere i fumatori: il 79% dei ticinesi nel 2006 approvò la legge che vieta fumo negli esercizi pubblici. "Tant’è che oggi i fumatori si ammalano più di prima, visto che sono costretti a fumare al freddo, fuori dai bar", commenta Ambrosetti: "Si dovrebbe rispettare quel 20% della popolazione che fuma", aggiunge, invocando la difesa dei diritti delle minoranze. Rispetto anche per "i piccoli piaceri della vita", chiede Edo Bobbià, ex direttore della società impresari (Ssic) : "Vietare una sigaretta prima di prendere un treno è troppo. Non lasciar fumare all’aria aperta, in un parco è esagerato. Ci vuole moderazione anche nei divieti". La proposta di Ghisolfi di tutelare i minori dal fumo passivo  (e dall’esempio negativo) incontra però proseliti. Come l’ex ciclista professionista Rubens Bertogliati, non fumatore dell’anno 2013 in Ticino:  "Sarei favorevole, delimitando gli spazi o proibendo il fumo nei luoghi dove sono presenti minorenni. Iniziando, ad esempio, attorno alle scuole". Ma anche Bertogliati teme gli eccessi: "Proibire le sigarette in tutti i luoghi pubblici all’aperto, invece, mi sembra una mossa azzardata; si rischia di intaccare le libertà individuali. Meglio la prevenzione ai divieti, specie tra i più giovani".
Meglio il comune buonsenso, sostiene Massimo Suter, presidente di GastroTicino, fumatore: "È il  buon senso che deve prevalere . Limitarsi a vietare mi pare controproducente: non serve comunque a evitare certi comportamenti". Corretto però, anche per Suter, proibire le sigarette nei parchi giochi. "Come, allo stesso modo, è giusto non fumare in auto in presenza di bambini. Ma è sbagliato - conclude  Suter - vietare agli avventori il fumo all’aperto fuori dai bar".
Si oppone agli eccessi proibizionisti Giovanna Viscardi, fumatrice, avvocato e deputato plrt. "Passi il no nei parchi giochi, giusta  la prevenzione contro il fumo passivo, ma non eccediamo.  Qui si vuole regolamentare anche la libertà personale: non va bene -  conclude -. La tolleranza e l’educazione sono dei valori autentici". Che fare, allora? Puntare su educazione, rispetto e misura,  come sostiene lo chef stellato Lorenzo Albrici, titolare della Locanda Orico a Bellinzona: "Capisco che, in determinate occasioni, il fumo di una sigaretta all’aperto, sulla terrazza di un ristorante può anche dare fastidio. Ma non credo sia il caso di eccedere con i divieti".

c.m./m.sc./m.sp.
17.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue