I prodotti che cambiano la gastronomia e l'enologia
Immagini articolo
Con insetti e vino blu
nuove mode a tavola
MAURO SPIGNESI


C’è stata la moda del risotto rosa, quella degli spaghetti verdi, quella del pane nero-cenere, poi sul piatto sono arrivati gli insetti. E ora un’altra sfumatura, dopo il rosso, il bianco e il rosè, si aggiunge al vino per colorare la tavola: di blu. Ma più che al colore del cielo o del mare, assomiglia a quello dei Puffi, lo stesso del gelato più amato dai bambini. Eppure il vino blu è stato il "leit motiv" delle vacanze di questa estate appena conclusa. In discoteca, negli aperitivi, nei locali al mare o in montagna, da Ibiza a Porto Cervo, dalla Grecia sino ai bar sui lungolago svizzeri. Tutto per colpa di un vino prodotto in Spagna, nella Rioja, da un gruppo di giovani audaci e creativi. Tra loro designer, musicisti e programmatori. Lo hanno chiamato Gïk e se si legge la sua storia e poi l’evoluzione sul mercato, con le bocciature dei produttori tradizionali, si è portati a dire che è il prodotto del nostro tempo, della vendita online, della immediatezza, del colore, dei social e della condivisione. Scrivono: "Non avremo mai un ufficio fisso; Internet e la nostra casella di posta sono diventati il &zeroWidthSpace;&zeroWidthSpace;nostro vero ufficio".
"Viviamo in anni in cui c’è una grande comunicazione e tutto diventa, si trasforma in innovazione", spiega Paolo Grandi, 77 anni, ricercatore e studioso di cucina ed enologia, e delegato dell’Accademia italiana della Cucina. "Il problema di oggi è che in vetrina arriva di tutto e si accetta qualsiasi cosa perché non si hanno più gli strumenti di conoscenza e la capacità critica". Insomma, per Grandi il pane è pane e il vino è vino. Figurarsi se può essere blu. Per Grandi la cucina va avanti con le ricette, con la precisione, con il rigore. "Perché - avverte - puoi fare l’innovazione, ma se hai una storia personale e professionale che affonda nella tradizione e te lo consente".
Bere un sorso di Gïk, il pioniere del "blue wine", al quale si sono aggiunti nel frattempo altri tipi di vino prodotti in Portogallo, secondo i suoi creatori vuol dire viaggiare nell’insolito, nella rivoluzione di un prodotto fuori dal comune in un settore che va avanti da secoli sempre uguale. "Francamente conosco poco o nulla del vino blu", commenta sorridendo Piero Tenca, presidente  nazionale dell’Associazione svizzera sommelier (Assp), che nella sua lunga carriera ha visto nascere morire decine e decine di mode legate al vino. "Ormai - racconta - ne vediamo e sentiamo di tutti i colori. Come l’ultima leggenda metropolitana, rilanciata dai giornali inglesi, che dice che il prosecco rovina il sorriso. Eppure anche le bollicine sono state, e in molte realtà lo sono ancora, una delle mode più seguite". Peraltro le autorità spagnole si sono messe di traverso e hanno vietato l’etichettatura come vino del Gïk. Idem quelle Portoghesi, tanto è vero che nella descrizione di parla di bevanda ispirata al vino. Eppure secondo i proprietari della start-up proprietaria del marchio solo durante l’estate sarebbero state vendute 100mila bottiglie. Bottiglie prodotte con tre varietà: Airèn originaria de La Mancha, Garnacha dell’Aragona e la più conosciuta Syrah. Dopo la fermentazione al vino, che ha un volume alcolico di circa 11 gradi, vengono aggiunti due coloranti organici contenuti nella buccia dell’uva. E quest’ultima è l’unica vera novità. Una novità diventata una moda velocemente. Grazie a internet, e al marketing dell’estate.

mspignesi@caffe.ch
17.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel