Due referendum per fare pressione sullo Stato centale
Immagini articolo
Voglia di federalismo
in Lombardia e Veneto
FRANCESCO ANFOSSI DA MILANO


Dunque Lombardia e Veneto potrebbero staccarsi dall’Italia? A leggere il testo del referendum su cui i lombardi e i veneti (in tutto 16 milioni di italiani) sono chiamati a votare il prossimo 22 ottobre sembrerebbe così, o quanto meno potrebbe essere l’inizio di un clamoroso processo di autonomia. In realtà il 23 ottobre non cambierà nulla anche se vincesse il sì. Si tratta infatti di due referendum consultivi, ovvero solo a titolo di "consultazione". Li hanno indetti due presidenti di Regione leghisti, Roberto Maroni per la Lombardia e Luca Zaia per il Veneto, con il sostegno di tutto il Centrodestra, ma anche il voto decisivo del Movimento Cinque Stelle, il partito populista di Beppe Grillo e perfino numerosi sindaci e amministratori locali del Pd, che a livello nazionale è al governo con Paolo Gentiloni e dunque rappresenta il centralismo. Tutti schierati per l’autonomia di queste due regioni. In Italia si vive ormai da decenni in regime di campagna elettorale permanente e tutti i partiti vogliono sfruttare l’effetto referendum in vista delle elezioni nazionali del febbraio 2018.
Certo il quesito lombardo è meno secco di quello veneto. A leggerlo ci vogliono più di 30 secondi e una certa pazienza: "Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?". Ma chi andrà a votare saprà già che deve scrivere "sì" per l’autonomia e "no" perché tutto resti come prima. In realtà queste due Regioni potrebbero già intavolare una trattativa con lo Stato sulla base dell’articolo 116 della Costituzione per ottenere più poteri sulle materie di competenza (sono quelle elencate nell’articolo 117 della Carta italiana: giudici di pace, ambiente, istruzione, finanza pubblica e del sistema tributario ecc.). L’intesa fra Stato Italiano e Regione, se arrivasse, dovrebbe poi essere deve essere ratificata con una legge che ha un iter lungo è appositamente "blindato". Perché nonostante la parola "federalismo", spesso guardando soprattutto alla Confederazione Svizzera, sia stata una parola molto pronunciata e molto in voga nella classe politica del Nord Italia fin dai tempi di Miglio e Bossi, lo Stato non ha mai arretrato di un centimetro.
I governatori di Lombardia e Regione contano sul significato "politico" di una vittoria del sì. In pratica si presenterebbero di fronte al Governo per intavolare una trattativa forti del consenso dei lombardi e dei veneti. Il problema è che l’Italia ha altri 44 milioni di abitanti, non certo felici di veder andar via le due Regioni più forti economicamente, i cui trasferimenti allo Stato sono maggiori delle tasse che ricevono. L’esempio che fanno Maroni e Zaia è quello della Brexit, che sulla carta non è stato vincolante ma di fatto ha portato all’abbandono dell’Unione europea da parte del Regno Unito. Inutile aggiungere che la vittoria del sì sarà determinata dal livello di affluenza alle urne. Probabile che chi si prende la briga di andare al "seggio" voterà per il sì. Ma se a votare ci vanno quattro gatti, non cambierà nulla nemmeno sul piano politico.
17.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel