L'ingegnere Roberta Besozzi sul referendum autonomista
"Divisioni mascherate
che intaccano l'Unità"
FRANCESCO ANFOSSI, DA MILANO


Per Roberta Besozzi, ingegnere di Varese molto conosciuta in città per essere stata a capo dell’Ordine degli ingegneri della provincia lombarda, rappresentante di quel mondo produttivo di un territorio che fino a qualche anno fa non conosceva la crisi e aveva un tasso di disoccupazione bassissimo, "di questo referendum ne avremmo fatto volentieri a meno".  Il referendum, dice, "non cambierà nulla e introduce un quesito che non è assolutamente in linea con la storia di questo Paese".
"Credo nell’Unità d’Italia, che ha ormai più di un secolo e mezzo e non nell’autonomia. Un’autonomia che in realtà maschera delle divisioni. Non dovremmo mai dimenticarci che tanti patrioti sono morti per dare all’Italia il sogno dell’Unità" ricorda Besozzi.
"Dunque proporre questo genere di quesito mi pare assolutamente fuori luogo. Oltretutto rappresenta uno sperpero di risorse finanziarie che avrebbero potuto essere adoperate e investite in maniera diversa per fini certamente più utili".
Senza contare, conclude Roberta Besozzi (che ci tiene a sottolineare che esprime solo opinioni personali) che l’autonomia in questo caso nasconde una subliminale intenzione separatista, visto chi è stato il maggiore propugnatore di questo tipo di consultazione. "Ma un conto è il federalismo, che in Lombardia ha una grande tradizione (pensiamo a Carlo Cattaneo, esponente del pensiero federalista ed eroe delle Cinque Giornate di Milano) e un conto è il separatismo, che non ha nessuna ragione d’essere".
17.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la tredicesima
da sola non basta più
L'INCHIESTA

Case anziani nel caos,
il personale è in rivolta
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ma Padre Cristoforo
era un assassino!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017
14.12.2017
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2018
14.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel