La videosorveglianza domestica tra low cost e alta qualità
Logitech contro Google
sulla sicurezza in casa
PATRIZIA GUENZI


Sono in grado di vedere la notte, zoomare, analizzare i tratti del volto e nel giro di due secondi avvisare immediatamente il proprietario di casa della presenza di un intruso. Sono le nuovissime Circle 2 e Nes Cam IQ. Telecamere intelligenti di sicurezza per cui le due principali aziende produttrici, la losannese Logitech e la californiana Google, si stanno dando battaglia. Infatti, la multinazionale americana, che ha da pochi giorni presentato il suo modello, ha deciso di mettere in difficoltà la concorrente elvetica. Gli interessi in ballo sono tanti. Sempre più persone, infatti, preferiscono il "fai da te" piuttosto che far entrare in casa un estraneo per piazzare un sistema di sicurezza. "Queste telecamere a qualcosa servono, sì, ma non si possono paragonare ad un vero e proprio impianto di domotica", precisa Gianni Arosio, di Concetto sicurezza, azienda che vanta clienti anche fuori dai confini nazionali. Per un impianto efficiente, quindi, servono tecnici esperti e, anche, più soldi. "Questa è una sicurezza casaliga molto low cost e quindi ha molti limiti", sottolinea Arosio.
Tecnicamente simili, facili da piazzare, le due telecamere offrono immagini ottime. Basta caricare l’applicazione corrispondente sul proprio telefonino che comunica via Bluetooth e creare un conto. Al wi-fi domestico il compito di guidare l’occhio della telecamera. Niente di più semplice. "I nostri prodotti sono presenti in milioni di case di tutto il mondo - ha detto a Le Temps Lionel Guicherd-Callin, responsabile di Nest per l’Europa -. Le nostre telecamere registrano, ogni giorno, oltre duemila anni di video. E siamo gli unici a proporre una tale qualità di immagine e il riconoscimento dei visi familiari". Per il riconoscimento facciale, Nest approfitta della tecnologia sviluppata inizialmente per Google Photo. "Ma attenzione - avverte il responsabile di Nest - non condividiamo alcun dato privato dei nostri clienti con Google".
Questo aspetto è estremamente delicato visto che ambedue le telecamere possono funzionare 24 ore su 24 e permettono di visionare le immagini sino a un mese prima perché tutto è registrato nei centri dati delle due multinazionali. "Le nostre immagini si trovano su un hard disk fisicamente in casa del proprietario, non su un server esterno", conclude Arosio.
17.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni