L'erba light può curare ma il mercato punta sulle sigarette
Immagini articolo
Quando la canapa
non viene fumata
PATRIZIA GUENZI


Quando si dice che la forma è anche sostanza. Lo sanno bene i pazienti che si sono affidati a gocce e infusi di canapa terapeutica per lenire dolori, insonnia, crampi e infiammazioni. E non alle sigarette. Sono dannose, è il parere di numerosi medici ed esperti, preoccupati per la diffusione di un prodotto che può avere effetti deleteri per la salute. "Il fumo in generale fa male",  taglia corto il dottor Werner Nussbaumer, da sempre fautore della liberalizzazione dell’erba terapeutica e che da anni cura con questa sostanza molti suoi pazienti. "Nelle sigarette di cannabis ci può essere dentro di tutto - osserva Nussbaumer -. Ecco perché non si possono definire terapeutiche. Solo le gocce o le tisane permettono di beneficiare appieno del cannabidiolo, sostanza curativa di cui sono provati gli effetti sedativi, ipnotici, anticonvulsivanti e antinfiammatori".
Degli atout curativi dell’erba light (a basso contenuto di Thc, tetraidrocannabinolo, e con un alto tasso di Cbd, cannabidiolo) si discute da tempo e sono molti i malati che li confermano. "Da anni sono conosciuti gli effetti curativi della canapa - conferma il dottor Thierry Favrod-Coune, dell’Unità delle dipendenze dell’ospedale Hug di Ginevra -. In molti Paesi viene considerata a tutti gli effetti una pianta medicinale". Eppure, il mercato ha scelto la via delle sigarette. Forse più redditizia, meglio commercializzabile, anche perché per le gocce di canapa terapeutica occorre un’autorizzazione dell’Ufficio federale della salute pubblica. Da anni Stefano Fehr, di Massagno, si cura con le gocce che lo aiutano a tenere a bada le crisi d’ansia, come aveva raccontato qualche settimana fa al Caffè. Ci sta provando anche Annarita, del Sottoceneri, che sceglie un nome di fantasia per una malattia purtroppo reale, la sclerosi multipla. Ha iniziato da poco con la canapa terapeutica per cercare di contrastare i sintomi di questa grave patologia degenerativa. "È ancora presto per parlare di miglioramento - spiega -, ma io sono fiduciosa. Il mio medico mi ha spiegato che, come per qualsiasi altra cura, bisogna aspettare che la sostanza entri in circolo".  
Intanto, in molti deplorano la commercializzazione di un prodotto, di fatto, proveniente dall’industria del tabacco. Come spiega Corine Kibora, portavoce di Dipendenze Svizzera, fondazione attiva nella prevenzione e nella riduzione di problemi legati all’alcol e ad altre sostanze psicoattive: "Le industrie approfittano della popolarità del Cbd, dicono che è un prodotto ‘locale’, che contiene canapa naturale e tabacco svizzero. Invece, non è altro che l’ennesimo prodotto del tabacco".
"Non è una novità che il tabacco faccia male, che la nicotina crei dipendenza", riprende Nussbaumer. C’è però un caso in cui anche i medici sono favorevoli alle sigarette. "Se una persona fuma molta canapa, quella ad alto tenore di Thc intendo, per aiutarla a diminuire gli si propone l’alternativa della sigaretta di erba light - spiega il dottor  Favrod-Coune -. Non cambia il rituale, l’odore e gli aromi della cannabis rimangono quelli, ma non si rischia lo sballo né la dipendenza, vista la bassa percentuale di Thc.

p.g.
24.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel