function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'aiuto una tantum bocciato dal professor Giuliano Bonoli
Immagini articolo
"Il bonus bebè è idea
da ex Paesi sovietici"
STEFANO PIANCA


È  semplicemente una cattiva idea. Un modo sbagliato di spendere i soldi se si vogliono aiutare davvero le famiglie". L’assegno parentale da 3’500 franchi, che chiameremo per maggior chiarezza "bonus bebè", viene bocciato senza appello da Giuliano Bonoli, professore di politica sociale all’Università di Losanna.
"Questi incentivi alla nascita, storicamente - prosegue l’esperto - sono stati introdotti per lo più, ma non solo, da governi di destra. Ad esempio il fascismo in Italia applicava una politica di questo tipo. Ma con un bonus crescente che prevedeva per il primo figlio un certo montante, per il secondo un po’ di più, per il terzo... e così via".
Figli della lupa, ma non solo. Parlava anche di altri governi che usano questi incentivi...
"Certo tale pratica si trova anche nelle repubbliche post-sovietiche. Più in generale si può dire che viene utilizzata spesso nei Paesi dove si vuole incoraggiare la natalità ma non si hanno i soldi o non li si vuole investire in una politica della famiglia davvero seria. Sono molto critico su questo bonus".
Al di là degli esempi più o meno recenti citati, quali sono gli aspetti più critici?
"Dal punto di vista della politica sociale questo tipo di bonus non viene considerato un intervento molto valido. Certamente la famiglia si ritrova con questi soldi in più in tasca, ma è una tantum.Un pagamento regolare sarebbe più indicato per un’infanzia che dura a lungo e non si esaurisce certo nel primo anno. La dipendenza economica dei figli, in media, si protrae infatti fino ai 18 anni".
Una cifra consistente che, dunque, non modifica di molto i progetti delle famiglie sul lungo periodo. Come definire altrimenti questo bonus?
"Tra esperti della politica sociale e familiare si ritiene che questi siano semplicemente degli espedienti. Da un lato per cercare di far ripartire la natalità ma con esiti assai dubbi...".
E dall’altro?
"Beh, questi bonus servono soprattutto per finire in prima pagina sui giornali così da mostrare che si fa qualcosa per le famiglie. Una visibilità che si ottiene oltretutto con una spesa limitata. Il fatto che si facciano pochi figli limita infatti di molto la distribuzione di questi bonus. Insomma, si tratta di una spesa molto più esigua rispetto a un assegno regolare e mensile di qualche centinaio di franchi. Ripeto dal punto di vista della politica sociale il ‘bonus bebè’ non è una buona scelta".
Quale strada andrebbe invece percorsa dalla politica?
"Se si vuole davvero fare qualcosa per le famiglie, sarebbe molto meglio usare questi soldi per gli asili nido o per gli assegni familiari stabili. Meglio sarebbe sviluppare un’offerta maggiore di queste strutture per i più piccoli e ridurre i costi attuali. Sarebbe molto, molto più intelligente che non versare questi 3’500 franchi che fanno molto repubblica post-sovietica".
Quasi un atteggiamento da "vorrei, ma non posso"?
"Direi invece un atteggiamento da ‘non voglio, ma faccio finta’. Il che è peggio".
Tra i Paesi all’avanguardia si citano spesso quelli del nord Europa. È diventato quasi un "mito" nordico. In cosa, soprattutto, andrebbero imitati?
"La politica familiare nei Paesi scandinavi è all’avanguardia soprattutto perché vuole favorire la conciliazione del lavoro e della vita di famiglia. Non si tratta tanto di dare dei soldi ai genitori, ma di permettere ad entrambi di lavorare ed avere accesso ad un reddito corretto attraverso il lavoro. Le migliori soluzioni? Congendo parentale, così che uno dei due genitori possa passare il primo anno col bambino, e asili nido per poter rientrare nel mercato del lavoro".

spianca@caffe.ch
@StefanoPianca
24.09.2017


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00