La vittoria di Kurz in Austria spiana la strada ai nazionalisti
Immagini articolo
Estremisti anzi...
conservatori
LUIGI BONANATE


Lo "spettro" che si sta aggirando per l’Europa non è quello di una immigrazione irrefrenabile che destabilizzerebbe le nostre società, ma è il crollo della fiducia che, da destra o da sinistra, si nutre nei confronti della politica. In passato tutto si riferiva ai valori politici, e a essi ci si affidava per giungere a una decisione: c’era chi vinceva e chi perdeva, ma fratture, tensioni, ribaltamenti di alleanze, meccanismi di ricambio delle classi politiche, partiti politici, per quanto oggetto di mille critiche, reggevano comunque il gioco.
La fine del bipolarismo e della lotta tra democrazia borghese e socialismo reale, tra le altre, ha avuto la conseguenza di allontanare le persone dalla politica avviandole al qualunquismo. Il populismo, in effetti, è un meccanismo sostanzialmente a-politico che si accontenta di affidarsi a un "capo", mentre l’estremismo orienta il dissenso verso la sfiducia popolare nelle capacità dei politici ritenuti inadatti di affrontare - eccola qua - la novità progressiva dell’emigrazione, che è oltretutto un fenomeno di grandissima portata materiale e di eccezionale complessità sociale e politica. Nessuno può pensare che esista la bacchetta magica: come le grandi epidemie storiche, o le grandi guerre del secolo scorso, per affrontare queste difficoltà ci vuole una società politica di grande respiro. Un esempio? Winston Churchill tenne una linea eroica nel corso della seconda guerra, ma nella primavera del 1945 perse le elezioni politiche, e da "leone" della guerra si ritrovò disoccupato. La popolazioni inglese aveva liberamente votato con la ragione e non con la passione.
Questo è il problema di oggi: in prima battuta, la società europea (ivi compresa la classe politica di Bruxelles) ha reagito alla crisi finanziaria mondiale del 2007 con il panico e poi, all’esplosione della crisi migratoria, con la paura di perdere i propri privilegi. Per questo, non conoscendo strade alternative, gli elettori si sono affidati a uomini politici: giovani e presumibili portatori di soluzioni originali ed efficaci. In gran parte dei paesi membri dell’Unione sono così arrivate al potere personalità contraddistinte non per le loro idee ma per la freschezza dell’immagine e una certa affascinante vivacità: da Renzi a Macron, da Orban in Ungheria, da J. Haider prima ancora in Austria e ora a Sebastian Kurz, la linea è questa. Ma anche in questo bacino di sviluppo del populismo si scopre che le soluzioni non sono a portata di mano di nessuno: ne discende una comprensibile frustrazione, o delusione, dalle quali non può che discendere l’onda di un estremismo per ora prevalentemente alieno alla violenza, a patto che tale insoddisfazione trovi una canalizzazione politica.
L’episodio più recente, le elezioni austriache, ci ricorda le fasi dell’escalation: il movimento xenofobo di Haider era giunto vicinissimo alla vittoria elettorale, e la mancò; nei mesi successivi il governo dovette irrigidire la sua politica migratoria, ma inutilmente. E domenica scorsa destra ed estrema destra hanno stravinto spostando il loro sguardo dall’Europa occidentale a quella orientale che ha evidentemente dimenticato le sofferenze del passato e ora, in un sentimento di ingenerosa rivalsa, teme di perdere il suo nuovo benessere.
Viene da chiedersi se sia stato saggio, una decina di anni fa, accogliere frettolosamente tutti e subito i Paesi "nuovi" fuoriusciti dal blocco comunista: non per volerli tener fuori ma per realizzazione un matrimonio d’amore e non di interesse.
22.10.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018
23.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata