Il dentista Davide Ferrari e il turismo della salute
'Non conta solo il costo
c'è l'igiene e la qualità'
PATRIZIA GUENZI


Vincenzo è partito da Isone e ha scelto Sofia, la capitale della Bulgaria, per risolvere il suo problema alla bocca. Gli serve un impianto dentale. Sino ad oggi ha sempre lasciato perdere, troppo costosi per lui i dentisti in Svizzera. A Sofia spenderà circa 1’300 franchi, una cifra che può permettersi senza fare i salti mortali. Tutto a posto? Non proprio. "Il costo non è tutto, è evidente che all’estero è più basso. La Svizzera si sa è un Paese caro. Ma altri aspetti sono altrettanto importanti: professionalità, igiene, qualità dei materiali e assistenza post intervento", avverte Davide Ferrari, presidente della Società ticinese medici dentisti.
Già, si fa presto dire vado all’estero e mi rifaccio la bocca per quattro soldi, come Vincenzo. Non sempre può rivelarsi una scelta azzeccata. Innanzittutto, Vincenzo deve prendersi almeno una settimana di tempo. E farebbe bene, suggerisce il dottor Ferrari, "ad andare sul posto prima dell’intervento, per prendere informazioni sulla clinica scelta e parlare col dentista che poi gli metterà le mani in bocca. Bravi professionisti ce n’è ovunque, non sto certo a dire che sono soltanto in Svizzera. Ma è sempre meglio verificare, prima di affidarsi e fidarsi, soprattutto se si va all’estero dove, una volta rientrati, non è così semplice ritornare in quattro e quattr’otto". Non solo. In casi come quello di Vincenzo un po’ di sincerità potrebbe fare la differenza. Parlarne prima con il proprio dentista è importante. "In questo modo - spiega Ferrari - si possono evitare lavori inutili. Se un paziente viene da me e mi dice che vuole andare all’estero per rifarsi la bocca non posso mica proibirglielo. Possiamo magari trovare una soluzione, un compromesso di cura meno costoso. Ma soprattutto posso dargli dei buoni consigli, dicendogli esattamente di cosa ha bisogno, quali sono davvero e denti malati e quelli no e che genere di lavoro andrebbe fatto. A volte per un dentista è molto più facile strappare tutto e mettere quattro-cinque impianti. Si fa prima ed è pure più redditizio". Anche se, stando ad un nuovo studio del Politecnico di Zurigo, anche in Svizzera non si eviterebbero cure inutili visto che uno specialista su quattro sarebbe pronto a trapanare e otturare anche se il paziente non ne ha alcun bisogno.
C’è poi un altro aspetto, tutt’altro che secondario. Il post intervento. "Una settimana di permanenza è troppo poco, se il dentista ha operato sull’osso occorre molto più tempo per guarire - sottolinea Ferrari -. Che fare, quindi, se una volta tornati in Svizzera sorgono problemi? Ripartire in fretta e furia non è possibile, soprattutto se si sta male. Andare dal proprio dentista sarà imbarazzante. Anche per noi non è sempre facile metter mano a lavori altrui. E se il problema non si risolve di chi è la colpa?".
29.10.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole