Gli animaletti dalla lunga coda diventano un  problema
Immagini articolo
A Zermatt le marmotte
ora "superano" i turisti
MASSIMO SCHIRA


Il paesaggio da cartolina che ritrae il villaggio di Zermatt, visitato ogni anno da migliaia di turisti da tutto il mondo, e la spettacolare cornice alpina con al centro il Cervino nascondono in realtà un piccolo problema. Piccolo, ma consistente. Al punto da mettere in crisi l’attività di chi, sui pascoli affacciati sulla piramide perfetta del Matterhorn, vive e lavora. Sì, perché nella Mattertal - la vallata che da Täsch sale verso Zermatt - da qualche tempo proliferano in modo incontrollato le marmotte. Che sono sì una simpatica palla di pelo che affascina i turisti, ma  anche un autentico flagello per i contadini, che ora chiedono contromisure per arginare la diffusione di un roditore in grado di danneggiare pascoli e colture, ma anche di penetrare nelle cascine, dove trovano un ideale riparo dai loro predatori naturali come aquile e volpi.
La facilità di accesso al cibo, determinata anche dal crescente contatto diretto con l’uomo, ha moltiplicato di fatto il numero di marmotte in tutta la regione di Zermatt. "Per evitare questo genere di problema è sempre necessario sensibilizzare i turisti sull’importanza di non nutrire gli animali selvatici - osserva Francesco Maggi, responsabile di Wwf Ticino -. Perché altrimenti si generano problemi di sovrappopolazione. È già successo con altre specie. La marmotta, comunque, è un animale cacciabile e quindi si presterebbe ad una certa attività di regolazione delle popolazioni". Il problema è che, da anni, il piccolo roditore attira in Vallese sempre meno cacciatori. Lo dimostrano le statistiche pubblicate di recente dal Blick: sull’enorme territorio vallesano, una stagione venatoria porta a circa 600 catture. Nel Grigioni, dove la caccia alla marmotta rimane più praticata, i numeri sono di dieci volte superiori. La pelle pregiata, il grasso spesso usato come unguento e le carni piuttosto saporite rimangono insomma un’attrattiva per i cacciatori grigionesi.
Uno dei problemi segnalati da contadini e alpigiani della regione del Cervino, è la crescente presenza dei roditori nei dintorni delle cascine in quota. Dove spesso scavano le loro tane proprio sotto le abitazioni. Generando danni, anche ingenti. "È sempre importante non causare scompensi nelle popolazioni di animali - commenta ancora Maggi -. La natura idealmente andrebbe lasciata al suo corso, evitando contatti inutili con l’uomo. Problemi simili sono osservati ad esempio anche con gli scoiattoli, che vengono spesso nutriti con le classiche nocciole. Vale però anche per specie come le anatre o per i caprioli. È controproducente dar loro fieno durante l’inverno".
Dalle parti di Zermatt, intanto, si cercano soluzioni. I cacciatori sembrano poco propensi a mettersi a disposizione per battute di caccia speciali. La forte presenza di turisti frena infatti l’attività venatoria. I cacciatori sono infatti poco propensi ad abbattere i roditori proprio sotto lo sguardo di visitatori in provenienza da mezzo mondo. "È comunque necessario spiegare ai turisti e alla gente comune che le leggi della natura possono anche sembrare crudeli, ma quelle sono e quindi andrebbero rispettate senza voler per forza intervenire - conclude Francesco Maggi -. Nutrire in maniera eccessiva le specie selvatiche porta quasi automaticamente ad una presenza eccessiva di questi animali, che finiscono con lo scontrarsi con l’uomo. Causando danni e creando scompensi tra le specie". La ricerca di un equilibrio, anche in zone di grande pregio naturalistico come Zermatt, sta diventando sempre più difficile.

m.s.
05.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin