Quando le famiglie sommergono di corsi i loro figli
Immagini articolo
Bambini, così piccoli
e così super impegnati
CLEMENTE MAZZETTA


Bambini sempre più impegnati, sempre più stressati. Con un’agenda a sei anni  degna del più occupato professionista in carriera. Oltre alla scuola, "costretti" a seguire corsi di ippica, danza, violino,inglese, canto...  E poi  nuoto, yoga, tennis, atelier di pittura creativa, arte... Seguendo più l’inclinazione dei genitori che le loro autentiche passioni. Con una vita che diventa una corsa continua fra un impegno e l’altro. Piccoli Charlie Chaplin di "Tempi moderni" travolti da un ingranaggio fitto di impegni di ogni tipo. Uno stress. "Non solo per loro anche per noi genitori - osserva Dorella Bonaldi, 48 anni, due figli di 12 e 9 -. Conosco famiglie che non hanno a casa neanche una sera a settimana i figli. Sempre in giro a fare corsi". E spiega la sua ricetta: "Sia io che mio marito non li abbiamo mai spinti a fare nulla. Hanno scelto loro".
Insomma, i bambini devono ancora avere il tempo per giocare e divertirsi, non dover sempre essere impegnati a fare qualcosa. "Già la scuola è molto pesante, lo vedo con mio figlio David, il più grande - riprende Bonaldi -. Ha dovuto lasciare unihockey perché per arrivare agli allenamenti doveva correre come un matto. Così, adesso va allo stand di tiro".  
Il tempo libero di un bambino non è assolutamente una perdita di tempo. Eppure, ancora molte famiglie giudicano male ciò che non è produttivo, non formativo. Un fenomeno che ha spinto Pro Juventute a lanciare una campagna di sensibilizzazione: "Meno pressione, più infanzia". Perché ormai l’ansia da prestazione fa parte del mondo infantile. Le aspettative nei confronti dei bambini  aumentano sempre di più. E iniziano sempre prima. Tanto che la realtà quotidiana di molti bambini è diventata troppo stressante. Un danno per la salute: stando ai dati più recenti dell’Organizzazione mondiale  della sanità, infatti, in media un undicenne su tre nei Paesi industrializzati soffre di disturbi del sonno. "Oggi fin dalla più tenera età si sottopongono i figli a corsi di inglese, come se tutti dovessero saper leggere  Shakespeare; sembra che senza inglese non si va da nessuna parte - dice Ilario Lodi, direttore di Pro Juventute Svizzera italiana in prima fila in questa campagna di sensibilizzazione e di presa di coscienza sui diritti dell’infanzia -. Le famiglie sono così sotto pressione che sono quasi condannate a rincorrere questi corsi. Se non lo fanno si sentono in colpa,  come se non mettessero i figli nelle condizioni di ottenere sempre il meglio. Vittime di una pressione sociale indotta da una cultura del successo che non lascia più spazio al gioco libero, alla spensieratezza".
Certo, alla base ci stanno le buone intenzioni, il volere sempre e solo il meglio per i figli. Ma da qui a organizzare sino all’ultimo minuto le giornate dei bambini fin nei minimi dettagli ce ne corre. "Con la nostra campagna - riprende Lodi -, vogliamo appunto proprio sottolineare questo problema e richiamare i genitori a non farsi soggiogare, a considerare il gioco fondamentale per lo sviluppo psico-fisico dei bambini. A sentirsi liberi di organizzare il tempo libero dei loro figli in sintonia con i tempi della crescita. Ricordo che fino agli anni 70 la maggior parte dei bambini trascorreva il tempo libero all’aria aperta, con tre, quattro ore di movimento al giorno in modo indipendente e senza sorveglianza. Oggi questo tempo senza sorveglianza si è ridotto mediamente a mezz’ora&discReturn;".
Come non dar ragione a   Katja Wiesendanger, direttrice di Pro Juventute Svizzera, la quale sostiene che "i ragazzi saranno meglio equipaggiati per il futuro se potranno riprendersi il tempo per vivere la loro infanzia".  r.c.
05.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin