Cresce gradualmente l'economia della condivisione
Immagini articolo
Come si sviluppa
la Sharing Economy
MASSIMO SCHIRA


Non ti conosco, però ho deciso di fidarmi di te. Per affidarti un piccolo lavoro domestico, per spostarmi, per passare una notte in casa tua o per finanziare la mia attività. È il principio dell’economia condivisa, la cosiddetta "sharing economy", che spinta dall’evoluzione tecnologica e dall’esplosione dell’utilizzo dei social network, è in crescita costante. Gli esempi si sprecano. Basti pensare a servizi come i taxi privati di Uber o gli alloggi messi in rete da Airbnb. Due "aziende globali" che sul mercato virtuale valgono assieme un centinaio di miliardi di dollari.
Per l’economia in generale quello in corso è un cambiamento epocale. "È il futuro, dettato dalla facilità d’uso dei dispositivi mobili - osserva Davide Gai, esperto di nuove tecnologie -. Si è liberi di fare ciò che si vuole ovunque. Quando l’automobile sostituì le carrozze, sparì progressivamente il mestiere del maniscalco. Oggi sta succedendo la stessa cosa, con alcune categorie professionali che cesseranno di esistere ed altre che nasceranno. Molte delle quali legate proprio a questa economia 4.0 basata sulla condivisione". A piacere parecchio agli utenti di questa "sharing economy", oltre all’immediatezza e alla facilità d’uso, c’è anche una certa "indipendenza". Il fatto, ad esempio, di non essere legati direttamente a grandi monopoli. Siano essi le catene di hotel o le banche. "Prendiamo le banche - commenta ancora Gai -. Sempre meno la banca è il luogo fisico, il palazzo di lusso in centro città. Sempre più spesso i servizi bancari li abbiamo semplicemente in tasca. Stesso discorso per l’ufficio o il luogo di lavoro, che stanno cambiando di senso".
La tendenza appare attecchire in maniera molto rapida e radicale soprattutto nei grandi agglomerati. Come a Zurigo o Milano. "Per permettere a questo genere di economia di svilupparsi i grandi numeri sono certamente un presupposto fondamentale - conferma Gai -. In Ticino, ad esempio, manca la massa critica per un vero boom della ‘sharing economy’. Ma credo che manchi anche un po’ la mentalità giusta per buttarsi davvero in questa avventura". Altro "mega-trend" in atto è quello della ricerca di finanziamenti attraverso una raccolta di denaro in rete, il famoso "Crowdfunding". Settore che sta vivendo una chiara evoluzione, malgrado comporti - come ogni investimento - anche qualche rischio. "Per attivare un ‘Crowdfunding’ efficace serve un ‘Crowd’, un vasto pubblico, una folla - precisa ancora Davide Gai -. Anche in questo caso torniamo alla necessità dei grandi numeri. Fattore che non favorisce sicuramente un Paese piccolo come la Svizzera. In generale, si tratta di proposte d’investimento in settori poco conosciuti, come l’innovazione di punta. In questo senso occorre prestare un po’ attenzione a dove si vanno a mettere i soldi, ma il sistema ha dimostrato di poter funzionare molto bene. Anche in questo caso, a piacere è un certo distacco dalle banche come istituto tradizionale per il finanziamento delle aziende".
La condivisione convince sempre più persone. Anche perché le necessità stanno evolvendo. "Pensiamo alla mobilità - conclude Gai -. L’aumento del numero di auto elettriche sta facendo nascere nuovi bisogni. Come quello di ricaricarle. E nelle grandi città sono sempre più numerose le offerte di parcheggio con possibilità di ricarica. Mentre l’auto è ‘allacciata’, ovviamente ci si sposta… condividendo. Con il car o il bike sharing".

m.s.
05.11.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia