L'esperto Daverio sulla scelta delle immagini sugli abusi
Immagini articolo
"Più sensibilità al tema
delle molestie sessuali"
MASSIMO SCHIRA


Scegliere l’immagine più adatta ad un articolo che parla di molestie sessuali subite dalle donne non è mai impresa semplice per le redazioni. Il rischio è quello di "banalizzare" un argomento molto delicato, che andrebbe "illustrato" con la dovuta cautela, con fotografie o disegni adeguati. Spesso i giornali e le riviste ricorrono al potere simbolico del disegno, ma altrettanto comune è la classica "foto d’agenzia", quella costruita in studio per rappresentare un fatto. "Non parlerei di immagini banali - osserva il critico d’arte e saggista Philippe Daverio -, perché si tratta di fotografie che contestualizzano modi di approciarsi al problema molto diversi rispetto al passato. Oggi c’è certamente maggiore consapevolezza e quindi si cerca di rappresentare il tema con la maggior sensibilità possibile".
La storia delle arti figurative, infatti, non è ricchissima di immagini fortemente significative per questo argomento. "Il caso più evidente è quello di Susanna e i Vecchioni della pittrice Artemisia Gentileschi - ricorda Daverio -. Poi mi viene in mente anche il Rapimento delle Sabine di Rubens, ma in quel caso si è trattato di un vero e proprio ‘reato’ consumato, per così dire. È anche questione di evoluzione dei costumi. Alla corte di Luigi XIV in Francia, ad esempio, vigeva un grande rispetto per le donne. Era questione di ‘politesse du Roi’, di educazione regale. Ci si toglieva il cappello anche incontrando una donna delle pulizie. Il contesto era comunque quello dell’articolazione barocca e, in definitiva, al sovrano piacevano soprattutto le dame particolarmente accondiscendenti con lui, ma era il contesto ad essere diverso".
Si parla, in questi casi di codificazione della società. Ossia della sensibilità e dell’attenzione dedicata ad un particolare tema sociale. Nel caso, delle molestie e delle violenze sessuali subite dalle donne. "La sensibilità sull’argomento è molto recente - afferma ancora Philippe Daverio -. Anche perché, oggettivamente, in passato la società era decisamente più codificata. Il che significava automaticamente ridurre le tentazioni comuni. Non voglio dire che non esistesse la figura del principe-mostro, capace di stuprare fanciulle a ripetizione. C’era, eccome, e di certo non aveva alcuna accezione positiva. Barbablù, infatti, è considerato uno scellerato criminale nella tradizione comune. Ma era, per così dire, isolato nel suo ruolo di principe".
L’attuale situazione, quindi, rappresenta secondo lo studioso dell’immagine una nuova fase nella presa di coscienza dei problemi legati alle molestie e alle violenze sulle donne. "Le immagini non sono quasi mai banali in senso stretto - conclude Daverio -. Forse, invece, è in corso una mutazione nella percezione delle immagini medesime e di tutta la problematica delle violenze sulle donne. Ma, in questo momento, non ne possiamo ancora avere una certezza assoluta. Forse viviamo soltanto un primo momento di presa di coscienza destinato magari a non durare, forse, invece, il cambiamento è già avvenuto. Solo il tempo potrà dirlo".
Sta di fatto che, in queste settimane in cui il tema delle molestie è sempre di grande attualità, la ricerca della diversità e della sensibilità attraverso le immagini su giornali e riviste resta una sfida per chi si occupa di comunicazione.

m.s.
05.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe