Salute sessuale Svizzera e la strategia anti Aids
"Per non banalizzare?
Messaggi forti"
PATRIZIA GUENZI


A suscitare polemiche virulente è stata la campagna del 2014, "Love Life - Nessun rimpianto". Mostrava persone durante l’atto sessuale. Erano stati scelti dei volontari, immortalati in situazioni sensuali e autentiche dalla fotografa Diana Scheunemann. Per molti, questa campagna era addirittura pornografica. Mentre per gli esperti di prevenzione, efficacia e questione morale non vanno mai mescolate. "C’era effettivamente stato un cambiamento nel messaggio - ricorda Barbara Berger, dell’associazione Salute sessuale Svizzera -. Che non era più soltanto di prevenzione, ma che parlava esplicitamente di abitudini sessuali". In sostanza, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) scelse di provocare per far parlare del virus. "A volte servono dei messaggi forti per evitare la banalizzazione della malattia", insiste Berger. Infatti, anche nella nuova campagna Love Life dell’Ufsp, Aiuto Aids svizzero e Salute sessuale Svizzera, partita il 23 ottobre scorso, il messaggio è esplicito e in questo caso si insiste pure sui rischi legati al cambiamento del partner sessuale. La novità sta in un nuovo strumento, il safer sex check, che permette di ottenere raccomandazioni personalizzate in Internet.
Proprio nel safer sex check vengono presentate tutte le categorie di raccomandazioni rilevanti per la protezione: preservativo e vaccinazioni, oltre a informazioni su pratiche sessuali potenzialmente a rischio e colloqui di consulenza con esperti. Ovviamente, se la propria situazione personale cambia, pratiche sessuali o partner, il check va rifatto. Solo in questo modo, infatti, ci si può assicurare che le raccomandazioni siano sempre aggiornate rispetto alla propria situazione attuale.
La prima campagna nazionale contro l’Aids, Stop Aids s’intitolava, risale al 1987. Inizialmente, oltre a incoraggiare l’uso del preservativo, cercava di promuovere la solidarietà e di sfatare alcuni preconcetti o timori infondati su come viene trasmesso il virus. Dopo Stop Aids sono poi seguite altre due fasi, Love Life Stop Aids, dal 2005 al 2010, e Love Life dal 2010, realizzata assieme a Salute sessuale Svizzera (all'epoca a Planes). Purtroppo, con il passare degli anni e l’apparizione di nuove terapie, la percezione della pericolosità dell’Aids è diminuita. Il tema Hiv e Aids ha progressivamente perso d’attualità. Oggi esistono sì delle terapie per combattere l’Hiv, ma il successo a lungo termine della è ancora incerto. "Da qui la necessità di adeguare progressivamente le campagne, facendo perno su messaggi positivi e inglobando tutte le malattie sessualmente trasmissibili", spiega Berger. Campagne, anche, dai toni a volte un po’ osé, non sempre accolte bene da tutti. Ma l’Ufficio federale della sanità pubblica, ha sempre sottolineato come non spetti allo Stato giudicare le abitudini sessuali delle persone "e per le campagne - osserva Berger - non bisogna confondere il problema della salute con quello della morale.
Senza dimenticare le nuove generazioni. I messaggi devono riuscire a sensibilizzare anche loro nei confronti di un argomento ormai ritenuto noto. Riuscire quindi a ritagliarsi uno spazio adeguato in un contesto pubblicitario sempre più sessualizzato, il che non è così semplice.

p.g.
03.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum