Il benessere prodotto dai frontalieri in provincia di Como
I salari "importati"
valgono tre miliardi
PAOLO MORETTI


I lavoratori italiani in canton Ticino riportano a casa un potere d’acquisto pari a circa 250 milioni di franchi al mese. Il dato lo si evince moltiplicando il numero di frontalieri, ulteriormente aumentato rispetto a un anno fa (i dati del terzo trimestre 2017 parlano di 65.184 frontalieri contro i 62.148 dello stesso periodo del 2016), con il salario medio (oltre 4mila franchi netti al mese nel 2014, ultimo dato disponibile) dei frontalieri impiegati in Ticino. Si tratta di cifre che valgono, all’anno, un potere d’acquisto per gli italiani pari a 3 miliardi di euro.
La sola provincia di Como, grazie ai frontalieri, può contare su un ritorno in termini economici di 1,2 miliardi di franchi, denaro che torna in terra lariana ogni anno grazie ai circa 26mila comaschi impiegati nell’economia del Canton Ticino.
Un potere d’acquisto enorme, se si pensa che in Italia quelle cifre verrebbero quasi dimezzate considerando i salari medi (basti dire che una commessa in svizzera guadagnava nel 2014 - stando alla calcolatrice "salarium" - quasi 3’900 franchi mentre in Italia fatica a raggiungere i 1’400 euro, ovvero circa 1’600 franchi, netti mensili).
La Banca d’Italia, l’estate scorsa, ha aggiornato il contributo delle "rimesse" annue (ovvero i redditi maturati all’estero e da lì trasferiti) dei lavoratori italiani impiegati non solo in Svizzera, ma anche in altri Paesi. Ebbene, secondo quel dato il contributo dei frontalieri vale mezzo punto percentuale di Pil: 7,2 miliardi di euro all’anno. A livello nazionale dal 2011 questa quota è cresciuta di ben 2,3 miliardi di euro. In Italia ha suscitato molto scalpore il fatto che l’incidenza delle rimesse sul prodotto interno lordo è la stessa di 140 anni fa, quando però la popolazione italiana era meno della metà di quella attuale. Complessivamente i lavoratori italiani all’estero nel 2016 erano 115mila, quindi ben si comprende che oltre la metà di questi ha scelto proprio la Svizzera come sede professionale. E, di conseguenza, i salari della Svizzera muovono per un quarto di punto percentuale il Pil italiano. Valori che, secondo le statistiche della Banca d’Italia, sono esplosi negli ultimi anni. Basti dire che nel 2011 i redditi dei frontalieri riportati in patria valevano 4,5 miliardi, lo scorso anno erano già saliti a 6,6 miliardi.
03.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio