L'indice italiano del benessere premia Como e Verbania
Immagini articolo
Al confine col Ticino
stanno tutti meglio
REDAZIONE CAFFÈ


Risparmio, sicurezza, cultura e tanti altri parametri per dire che in Italia le zone a nord stanno meglio, molto meglio di quelle in centro al Sud. E nella  fascia del "buon vivere", le province a ridosso del confine svizzero, ticinese detto diversamente, sono quelle con gli indici di qualità mediamente più alti. In verità tutta la "zona alpina" italiana registra indici eccellenti, in testa infatti sta Belluno, al confine con l’Austria.
Indici di qualità di vita che in un certo qual modo, per alcuni di più per alcuni di meno, sono influenzati dalla stretta vicinanza geografica con il Ticino. Contiguità che tocca il mondo del lavoro e quello del commercio e quindi anche quello turistico.
Le province italiane a ridosso del confine sono quelle da dove ovviamente proviene il maggior numero dei circa 65mila frontalieri. Poco meno di cinquemila infatti arrivano da province non confinanti. 65mila frontalieri in gran parte residenti in Lombardia, soprattutto nelle province di Varese e di Como. Zone che nella classifica italiana stanno, su 110 posizioni, la prima al 32esimo la seconda al 57esimo posto. Ma molto, molto meglio fa la provincia del Verbano Cusio Ossola (Vco), vale a dire quell’area geografica che confina con il Locarnese e dalla quale provengono quotidianamente circa cinquemila e cinquecento frontalieri. Certamente molti meno di quanti ne giungano da Varese, oltre 26mila, e da Como, oltre 25mila.
È un benessere reciproco quello dato dalla vicinanza. Decine di migliaia di lavoratori frontalieri con salari più alti della media delle singole categorie in Italia. Decine di migliaia di frontalieri che da anni contribuiscono alla crescita economica del Ticino, pur tra annose polemiche. Ma di quei 65mila oggi non si potrebbe fare a meno, se non di 15mila forse, considerando i disoccupati e coloro che sono in assistenza. Significherebbe registrare di qua dalla frontiera un tasso di occupazione pari a 0. Cosa di fatto impossibile, significherebbe, dicono gli economisti, che l’economia è bloccata.
Verbania, con Domodossola e Omegna, ovvero la provincia del Verbano Cusio Ossola, sta al settimo posto della classifica nazionale. E lo scorso anno ha registrato una crescita notevole. Era al 19esimo. Davanti a lei solo province come Belluno, appunto al primo posto, Aosta, Sondrio, Bolzano, Trento e Trieste.
Anche la provincia di Como rispetto allo scorso anno è salita nella classifica del "buon vivere". Dal 40esimo al 32esimo posto. Non è andata così bene invece per quella di Varese che ha perso cinque posizioni.
A ridosso del Locarnese, la regione ticinese più ricca per quanto riguarda l’economia turistica, sta dunque una provincia italiana che spicca nei dati nazionali. Spicca in quanto ricchezza e consumi, al 18esimo posto; per l’ambiente e i servizi; per l’offerta culturale; per la spesa media delle famiglie; per il basso tasso di disoccupazione dei giovani e per il tasso di occupazione in generale della sua popolazione. E qui, per questo dato, certamente influisce la presenza nel Vco degli oltre cinquemila frontalieri impiegati in Svizzera. Lavoratori residenti soprattutto tra Cannobio e Verbania e in Val Vigezzo.

r.c.
03.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue