Il racconto di un tragitto mentre l'autostrada è bloccata
Dal Ceneri e Rivera
le insidie di un viaggio
MAURO SPIGNESI


Il primo avviso arriva quando il viaggio per Riva San Vitale deve ancora iniziare. Dai siti si scopre che l’autostrada è bloccata da un incidente. Si sono scontrate tre auto. Dove, qui vicino? No, a 54 chilometri di distanza. Esattamente all’altezza di Capolago. Passa un’ora. La situazione sarà tornata alla normalità? Non si sa. Ma bisogna partire. Nella galleria Mappo-Morettina, all’uscita di Locarno, arriva la telefonata d’allarme: "Sulla A2 si sono già formate lunghe colonne, stavolta ci sono auto in panne", racconta il collega partito una mezzora prima. Possibile? No, normale. Una volta è un tamponamento, un’auto che s’incendia, un’altra che si ferma, un camion che finisce l’autonomia oraria e non può andare avanti. Un’altra volta basta che al traffico normale, già intenso, si aggiungano in occasione delle feste o delle vacanze scolastiche le auto di tanti che con le famiglie si dirigono verso sud. E il Ticino resta paralizzato. Martedì scorso è successo con l’incidente di Capolago, e a seguire con due macchine che si sono bloccate per problemi al motore. Così davanti alle gallerie sulla A2 i semafori hanno cominciato a lampeggiare. Stop, rosso.
Quando si capisce cosa sta accadendo si cerca di andare avanti il più possibile. Anche martedì è accaduto. Dopo la Mappo Morettina e la cantonale in direzione di sant’Antonino è sempre meglio imboccare il Monte Ceneri. Qui il traffico scorre. Fa nulla se il limite della strada è quasi sempre 80 all’ora. L’importante è andare avanti, capire come si evolve la situazione. Nella discesa del Ceneri si comincia a scegliere. Meglio l’autostrada, oppure meglio infilarsi nella cantonale e dirigersi verso la zona industriale di Manno e lì decidere se riprendere la A2? All’imbocco dell’autostrada non c’è mai un segnale, non si capisce cosa accade dopo la curva. Allora prudentemente meglio superare Rivera. Scelta saggia, dalla strada, parallela, si vede un lunghissimo serpentone di auto bloccate. Ferme. Immobili. In tanti fanno la tua stessa scelta e dunque anche tra Bironico e Torricella si avanza a fatica, tra dossi che consigliano di rallentare, rotonde e segnali che ricordano il divieto di 50 chilometri all’ora perché si sta attraversando un paese.
A Lamone bisogna prendere un’altra decisione. Arrivare sino a Manno e da lì riprendere l’autostrada, oppure tirar dritto, passare da Vezia, salire a Massagno e attraversare Lugano? Meglio quest’ultima ipotesi visto che gli avvisi sul traffico che giungono dalla radio non sono affatto rassicuranti. Ma scegliere questo itinerario non è poi così originale. Tanti hanno avuto la stessa idea. E così la via San Gottardo, forse anche per effetto dei semafori, diventa una trappola. Si va quasi a passo d’uomo dietro i bus della società Tpl. Finalmente dopo la stazione di Lugano la circolazione riprende a scorrere. Alla fine di via Maraini un intoppo con un’auto che abbozza una manovra. Poi via, Paradiso e la cantonale sino a Melide, sino alla rotonda di Bissone mentre a sinistra le auto sono ancora ferme sulla A2. Finalmente, dopo essere partiti alle 19.30, le luci all’altezza di Capolago annunciano il traguardo: Riva San Vitale. Sono le 21.30.
10.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum