Lasciano la carriera nel marketing per produrre cioccolata
Immagini articolo
'Dagli orologi al cacao
non temiamo la Nestlè'
PATRIZIA GUENZI


Il futuro? Comperare la Nestlè!". Una battuta, per ora, quella di Caroline Büchler e François-Xavier Mousin, che da qualche mese hanno iniziato a fabbricare cioccolato. "Quello artigianale, dalla A alla Z, partendo dalle fave, sia chiaro", sottolineano. In realtà, se gli affari continueranno ad andare come ora non è mica detto che i due possano davvero diventare un colosso del cioccolato. "Fabbricato però sempre secondo i principi del commercio equo, la Nestlè non ci fa paura, noi siamo altro", precisa Caroline. Ma facciamo un passo indietro e vediamo come e perché questa coppia - 46 anni lui, 34 lei - da un giorno all’altro ha deciso di buttarsi nella fabbricazione del cioccolato, a partire dalle fave sino alla tavoletta. Un processo articolato che ha messo a dura prova la loro convinzione di cambiare professione per dar vita a Orfève, la tavoletta che nasce in un laboratorio di Thônex.
"Lo ricordo ancora come fosse ieri - dice Caroline -. Era la primavera dello scorso anno, François mi chiede: e se facessimo del vero cioccolato in Svizzera?. Gli rido in faccia. Ma come, rispondo, in Svizzera manca la cioccolata? Quella vera, quella artigianale sì, mi risponde". Caroline ancora non sa che le intenzioni di François sono molto serie. Se ne accorge nel giro di poco. Sino a quel momento i due si occupavano del marchio orologiero Les Ambassadeurs. Nel giro di poco lasciano il lavoro e si convertono al cacai. Vendono le loro due auto per poter comperare tutto il necessario. "Ma non era così semplice - nota François -, volevamo davvero fare un lavoro artigianale, quindi servivano macchinari adatti. Non troppo grandi, visto che la produzione sarebbe stata minima". Parte la ricerca. In tutto il mondo: Israele, Russia, Australia, America... Alla fine Orfève prende vita.
La coppia impara a produrre cioccolato. "Non c’erano corsi specifici - spiega Caroline -. E allora ci siamo affidati agli insegnamenti di un maestro cioccolatiere. Che ci ha anche spiegato dove acquistare la materia prima, le fave". Ed eccole le fave, in un angolo del laboratorio enormi sacchi  provenienti dal Perù, dalla Colombia e dal Madagascar. "Il grosso problema con il cacao - sottolinea François -, è che la produzione è fatta da milioni di piccoli produttori. Mentre la trasformazione delle fave è concentrata nelle mani di tre attori: l’americana Cargill, la zurighese Barry Callebaut e da Olam, Singapore. Loro comperano il 65 per cento della produzione mondiale. Noi volevamo inserirci tra questi colossi".
E ce l’hanno fatta. Orfève produce una decina di chili di cioccolato al giorno. "Una produzione quasi casalinga - osserva Caroline -, per pochi intimi. Che abbiamo distribuito in quattro punti vendita di Ginevra e, su prenotazione, in un altro di Losanna. Come vedete, nessuna intenzione di rivoluzionare il mercato, semplicemente la voglia di fare qualcosa alla nostra portata, ma di altissima qualità e soprattutto senza sfruttare la gente, come avviene in tantissime piantagioni di cacao dei Paesi poveri".
Arriva la prova del fuoco, il Salone internazionale dell’alta orologeria (Sihh). Ma alla vigilia dell’apertura, ancora non avevano prodotto nessuna delle 500 tavolette che si erano impegnate a consegnare. All’ultimo, erano sorte mille difficoltà, logistiche e tecniche. "Le prime tavolette sono uscite verso le due del mattino - ricorda ancora con ansia François -. Abbiamo recuperato alla grande, consegnandone un centinaio ogni giorno, per tutto il periodo del Salone".
François e Caroline si sono incontrati nel 2008. Lui era direttore marketing a Les Ambassadeurs. Quando mette un annuncio per una collaboratrice si presenta Caroline. Da quel giorno non si sono più lasciati. Oggi le loro giornate sono scandite dalla produzione del cioccolato. Attenti, precisi e appassionati, guardano al futuro con ottimismo. "Funziona alla grande, mai avremmo pensato in così poco tempo", osserva Caroline. E conclude ridendo: "Ecco perché non è mica escluso che un domani potremmo pure comperarci la Nestlè".

pguenzi@caffe.ch
10.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi