Il cibo più richiesto a domicilio dagli svizzeri è ora Unesco
Immagini articolo
Ora questa pizza
vale un "patrimonio"
PATRIZIA GUENZI


Èun riconoscimento che premia noi tutti pizzaioli che sforniamo margherite e calzoni con passione". Questa, a grandi linee, la reazione di chi tutti i giorni sforna margherite, calzoni, capricciose l’indomani del riconoscimento del piatto partenopeo per eccellenza, la pizza, eletta questa settimana a patrimonio Unesco dell’umanità . Pur se lontani dalla "patria" vera della pizza, Napoli, qualsiasi pizzaiolo ne ha sempre mantenuta la tradizione. "È stata premiata la semplicità, che alla fine vince sempre e conquista - sottolineano -. Ma anche la creatività, mica facile riuscire a trasformare elementi basici come l’acqua e la farina in una creazione di incredibile valore culturale". Che, oggi ancor di più, rappresenta l’Italia nel mondo.
Tutto è iniziato sette anni fa, con la petizione per inserire questo alimento nel patrimonio Unesco. Raccolte oltre due milioni di firme a sostegno della candidatura grazie ad una mobilitazione straordinaria. Firme provenienti da ogni parte del mondo. Sicuramente anche dalla Svizzera, dove la pizza si è da tempo perfettamente integrata nella cultura alimentare. Non per niente è il cibo più ordinato (83%) dagli elvetici che scelgono di farsi consegnare a domicilio la cena. Valutando il consumo di altri Paesi si può ipotizzare che gli svizzeri mangino almeno 4 chili di pizza a testa l’anno. È pure un piatto sostenibile, in grado di soddisfare l’esigenza del gusto e del benessere, a costi minimi e senza pesare troppo sulle risorse del pianeta.
Tanti anche gli interessati ad imparare la nobile tradizione dei maestri napoletani. Un centinaio di persone hanno già chiesto informazioni a GastroTicino per seguire il corso per l’ottenimento del diploma cantonale di piazzaiolo.  Corso che dovrebbe partire l’anno prossimo, a tuttoggi una dozzina gli iscritti. Sempre GastroTicino organizza delle mezze giornate di lezione per migliorare le proprie conoscenze. Sembra facile fare la pizza, in realtà è tutta una questione di equilibrio e giuste dosi: di farina, sale, lievito, acqua, senza contare tutto ciò che poi vi si può aggiungere. Fondamentale anche come si utilizza il mattarello e la temperatura del forno. La cottura, infatti, è uno dei punti più delicati dopo la lievitazione.
La pizza è a tutti gli effetti un confort food, fa parte di quei cibi a cui si ricorre per soddisfare un bisogno emotivo: sapori consolatori, stimolanti e spesso nostalgici. In questo caso, pure un alimento semplice e genuino, la cui fortuna è stata costruita con pazienza e sacrificio dai maestri della margherita. Un’arte, quella dei pizzazioli, antichissima. Forni perfettamente identici a quelli che ancora oggi vengono cotruiti sono stati trovati negli scavi di Pompei e in quelli dell’antica Neapolis, la Napoli del V secolo a.C. La tecnica è sempre quella e assicura una cottura ottimale. E così, la pizza, si è perfettamente integrata nelle diverse abitudini alimentari di tutti i Paesi. Piace a grandi e piccoli, con la pizza si pranza o si cena. Costituisce un piatto sano ed equilibrato, che consente un apporto adeguato di sostanze nutritive utili all’organismo. Tanto per cominciare è un cibo ricco di carboidrati complessi che rilasciano energia più lentamente rispetto ai carboidrati semplici e contribuiscono a mantenersi in forma, a controllare l’appetito e a stabilizzare i livelli di energia. I grassi contenuti in questo alimento sono definiti grassi "buoni", pomodoro e formaggio la rendono ricca di calcio, vitamine e ferro. Una margherita ha un apporto di calorie di poco superiore a un piatto di pasta condito e se ben bilanciata con gli altri pasti giornalieri non rappresenta alcun pericolo neanche per i maniaci della dieta.
E la pizza, oltre a piacere, vale. Al mondo, oltre 60 miliardi di euro. E se in Italia si mangiano più o meno 5 milioni di pizze al giorno, sono gli Stati Uniti i maggiori consumatori al mondo: ogni anno spendono 134 dollari a testa. Stando agli analisti di Morgan Stanley, il consumo di pizza è legato alla capacità economica di un Paese. Ecco perché gli svizzeri ne divorano così tanta.

p.g.
10.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio