Le parlamentari a Berna dopo il manuale contro il sessismo
Immagini articolo
La linea che divide
i flirt delle molestie
MASSIMO SCHIRA


Un flirt si basa sulla reciprocità, è costruttivo, desiderato da entrambe le persone coinvolte ed è fonte di gioia nel rispetto dei limiti personali. Una molestia, invece, è unilaterale, umiliante, ferisce, è fonte d’irritazione e quei limiti personali li viola. È questa la definizione scelta dai vertici dell’Assemblea federale per sensibilizzare i parlamentari sul tema "molestie" dopo il caso del vice presidente ppd, Yannick Buttet, denunciato per stalking dalla sua amante. Un caso che ha aperto una sorta di "vaso di Pandora" anche sotto la cupola di Palazzo, dove non si vogliono Casanova o Don Giovanni in azione.
Ma la "lista" presentata ai deputati non ha fatto l’unanimità nemmeno tra le donne elette alle Camere federali. "Tutto questo è ridicolo - spiega al Caffè la consigliera nazionale democentrista zurighese Barbara Steinemann -. Liste come questa non servono a nulla, non siamo all’asilo infantile! A Palazzo ho sempre condiviso la mia attività politica con uomini educati e quello delle molestie nella politica federale è che un problema inventato dalle donne di sinistra. Noi deputate siamo tutte donne con una forte personalità, perfettamente in grado di difenderci. E con chi esagera, ovviamente, c’è sempre la possibilità di ricorrere alla giustizia".
Sulla stessa linea d’onda la consigliera nazionale Roberta Pantani della Lega: "Si tratta di un’operazione del tutto superflua, soprattutto la descrizione su cosa sia un flirt. Siamo tutti sufficientemente adulti e vaccinati da poter riconoscere se si tratta di una molestia o di un complimento scherzoso". Pantani considera anche "inutile" anche la creazione all’interno del Parlamento, per un periodo di prova di un anno, di un’antenna cui potranno rivolgersi le vittime di molestie. Perplessa anche la liberale radicale Doris Fiala, secondo cui con la lettera i parlamentati sono stati trattati come fossero dei bambini. "È innanzitutto a scuola che bisogna fare prevenzione - afferma - piuttosto che sotto la cupola federale, dove mi attendo che ogni eletto abbia le spalle abbastanza larghe per difendersi da solo".
Sul fronte opposto della "barricata", le parlamentari più sensibili all’argomento. Non solo di sinistra "tout-court". "Molti colleghi dopo la pubblicazione delle raccomandazioni mi hanno chiesto se avessero mai esagerato nei loro atteggiamenti - osserva la consigliera nazionale verde-liberale vodese Isabelle Chevalley -. Già il fatto di porsi una simile domanda è positivo e significativo del fatto che sia quanto mai necessario parlare di questo argomento e sensibilizzare anche i parlamentari. Perché infilare le mani nei pantaloni di una collega, fatto realmente successo, non è accettabile".
A non essere entusiasta dell’elenco, ma a sottolineare l’importanza di non banalizzare le molestie è invece Kathy Riklin. "Credo che la distinzione tra flirt e molestia sia tutto sommato personale - afferma la deputata ppd zurighese -. Detto ciò trovo che la scelta di mettere questi consigli su carta sia un po’ ridicola. Tutto sommato siamo in un parlamento nazionale, dove gli eletti dovrebbero essere sufficientemente responsabili e avere la capacità di distinguere quel che è permesso dall’eccesso. Ovviamente il tema è delicato e merita attenzione".
Meno critica un’altra consigliera nazionale popolare democratica, la vallesana Géraldine Marchand-Balet. "Le direttive possono avere senso per ricordare le regole base - sottolinea - ma non erano strettamente necessarie", poiché in Parlamento "non esiste un problema di molestie diffuse". Marchand-Balet considera tuttavia che "visto che la legge impone alle aziende di tutelare le proprie dipendenti da questo rischio, è giusto che anche il parlamento faccia una riflessione al suo interno".
Secondo la socialista grigionese Silva Semadeni, le distinzioni proposte nella "lista" possono risultare un po’ artificiali. "L’attenzione al problema delle molestie è necessaria, lo hanno dimostrato i recenti fatti, non solo in Svizzera - commenta la consigliera nazionale -. Ma il modo scelto è banale, perché non tiene conto della cultura dei singoli e della loro sensibilità. Faccio un esempio: noi latini diamo al contatto fisico un peso molto diverso rispetto ai nostri connazionali del Nord".
La scelta di mettere nero su bianco alcuni consigli è invece salutata positivamente da altre parlamentari al Nazionale. Come la verde ginevrina Lisa Mazzone. "Quando si leggono quelle definizioni, si può anche sorridere, ma è un errore - nota -. Alla luce dei fatti, è stato necessario agire in questa direzione. Certamente non basta. Servono strutture in grado di dare sostegno, suggerimenti e anche mediazione. Il fatto di aver scatenato molte discussioni evidenzia la necessità di porre maggior attenzione a quegli atti che non sono reciproci".
Come Lisa Mazzone la pensa anche la consigliera nazionale socialista vodese Ada Marra. "Il fatto che la definizione di flirt possa far sorridere non è importante - conclude -. Quello che conta è che ci abbiano messo a disposizione quello che deve esistere in ogni azienda, ovvero una persona di riferimento da chiamare in caso di domande. Ada Marra deplora che "l’Udc abbia cercato di ridicolizzare l’iniziativa" e ribadisce che a suo modo di vedere la lettera e la creazione dell’antenna sono "una reazione positiva" e anche "sufficiente" al problema.

r.c.
17.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin