L'analisi del pedagogo Giorgio Comi sulle molestie sessuali
Immagini articolo
"Rispetto per le donne
Lo si impara a scuola'
CLEMENTE MAZZETTA


Contro la violenza di genere,  contro le molestie verso le donne, contro i pregiudizi socio-culturali verso il genere femminile, la scuola può fare molto. "Ma non tutto", osserva Giorgio Comi, pedagogo e formatore professionale. "Insegnare il rispetto dell’altro - spiega - non può essere solo compito della scuola, ma deve essere impegno della famiglia, della politica, della società".  
Nella scuola questo problema educativo si affronta già dalle prime classi, pensiamo all’azione dell’Aspi, la fondazione di aiuto per l’infanzia. "Iniziative che educano a riconoscere le situazioni di rischio - riprende Comi -. Progetti educativi che fanno prendere coscienza agli alunni la differenza tra comportamenti accettabili e non. Così che, diventati grandi, potranno capire quali sono i limiti da non superare".
Certo si potrebbe fare di più. Si può sempre fare di più. "Ma oggi quel qualcosa di più non si fa perché non sono date le condizioni, perché i programmi scolastici sono già troppo carichi, perché i docenti non sono sempre formati adeguatamente, perché la volontà politica non va in questa direzione, perché altre sono le priorità", sottolinea l’esperto. Forse ci sarebbe bisogno di un grande piano di educazione al rispetto degli altri dal primo anno delle elementari all’ultimo anno delle scuole dell’obbligo. Un’ora di "gentilezza obbligatoria" per contrastare ogni forma di discriminazione verso le donne e favorire il superamento delle disuguaglianze che si perpetuano anche nella realtà professionale. "Si può fare di più, non solo a scuola - aggiunge Comi -. Si può intervenire nella formazione dei genitori. La Conferenza cantonale dei genitori, ad esempio, porta avanti delle iniziative in questo senso".
È però indispensabile che le varie agenzie educative, scuola, famiglia educhino i ragazzi, i "nuovi uomini", ad un rispetto della donna maggiore. "Occorre rendersi conto, nella scuola come in famiglia, che l’educazione si trasmette con i comportamenti più che con le parole, con l’esempio quindi". Si contrasta ogni forma di pregiudizio con l’esempio che deve essere collettivo. "Il cambiamento non può che essere sociale - insiste Comi -, perché certi atteggiamenti discriminatori verso le donne sono dovuti ad una concezione culturale storico.  Una concezione che vede il genere femminile come un soggetto con meno diritti. Basta pensare  a come la società considera la donna nel mondo del lavoro: pagata meno, adatta solo ad alcuni compiti". Tanto che  quando le professioni diventano meno interessanti, si dice che si ‘femminilizzano’. "A questo - conclude Comi - si aggiunge un aspetto individuale che vede ancora molti uomini considerare la donna come un oggetto a proprio disposizione e non come un soggetto di pari dignità e volontà. È su tutto questo che bisogna lavorare".

c.m.
17.12.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio