Un quarto di decessi in meno col fumo elettronico
Immagini articolo
E-cig meno dannosa
della sigaretta, ma...
PATRIZIA GUENZI


Macché un aiuto per smettere di fumare! Anzi, semmai è un mezzo per iniziare con le sigarette vere". L’oncologo Franco Cavalli è perentorio, le e-cig non servono per allontanarsi dalle "bionde". "Non bisogna utilizzarle - aggiunge il medico -. Lo ripete l’Organizzazione mondiale della sanità e lo dicono molti organi di prevenzione europei". Eppure, stando ad un recente studio americano, un quarto dei decessi potrebbe essere evitato da qui al 2100 se tutti i fumatori sostituissero la sigaretta classica con quella elettronica. Questa funziona attraverso l’evaporazione di un e-liquid, una soluzione a base di acqua, glicole propilenico, glicerolo, aromi ed eventualmente nicotina.
In Svizzera, 9mila persone muoiono ogni anno per le conseguenze del tabacco. Una cifra allarmante, su cui medici, esperti e oncologi continuano ad insistere. Anche Berna corre ai ripari. Con il messaggio "Non è un caso: il 75% dei pazienti colpiti da infarto di età inferiore ai 50 anni fuma" è partita una nuova puntata della campagna di sensibilizzazione SmokeFree organizzata da Confederazione, Cantoni e Ong del settore sanitario (vedi sotto). "La soluzione migliore è smettere di fumare, punto - taglia corto il dottor Giorgio Noseda, per oltre trent’anni primario di medicina al Civico e all’ospedale di Mendrisio -. A tutt’oggi non se ne sa molto sui potenziali pericoli del fumo elettronico". Certo, nell’e-cig non c’è la combustione del tabacco, "che produce le polveri sottili ed è il principale responsabile del cancro al polmone - riprende Noseda -. E neanche altre sostanze tossiche e dannose per la salute". Tuttavia, in Svizzera faticano a decollare le sigarette elettroniche. Rispetto ad altri Paesi, sarebbero soltanto 15mila i consumatori regolari. All’incirca l’1% dei fumatori e lo 0,3% degli ex fumatori. Una delle ragioni è che l’e-cig non contiene tabacco. Intanto, Berna in futuro dovrebbe autorizzare la vendita di e-sigarette con nicotina. Di fatto, comunque, si sono sempre trovate in commercio. "Il messaggio sulla loro reale pericolosità è fuorviante - insiste il dottor Noseda -. Non vedo bene come possano aiutare a smettere di fumare". Meno pessimista il dottor Francesco Zappa, responsabile del reparto oncologia della Clinica Luganese: "Se davvero l’agente incriminato non c’è nell’e-cig, il tabacco e i suoi derivati che sono nocivi e potenzialmente cancerogeni, direi che fa meno male", spiega. È la nicotina che provoca la dipendenza. Se non c’è, a quanto se ne sa oggi, non dovrebbe far male". Ma Cavalli insiste: "I dati sulla reale pericolosità del fumo elettronico non sono così chiari". Ma non sono chiari, replica Zappa, "i danni che potrebbero fare le tante sostanze che ingeriamo, coloranti additivi, o i profumi che mettiamo sul corpo".
Insomma, servirebbe un dibattito spassionato sul ruolo della nicotina e la strategia di riduzione dei rischi. E intanto c’è ancora molto da fare sul fronte della prevenzione. Il 27% della popolazione svizzera fuma regolarmente delle sigarette. Una cifra stabile da qualche anno.
Qualche dubbio sugli effetti delle sostanze contenute nell’e-cig lo solleva anche la Lega svizzera polmonare. Troppo presto, di fatto, per fare un bilancio. Inoltre, la Lega teme che spingendo sulle sigarette elettroniche si inviterebbero i non fumatori, soprattutto i giovani, a lasciarsi sedurre. Anche se quasi nessuno nega che passare dalla bionda vera alla e-cig con un po’ di nicotina è meno dannoso. Sembrerebbe il male minore, certo, ma da qui a dare un taglio definitivo al tabacco ce ne corre.

p.g.
17.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin